Martedì, 13 Aprile 2021

Meteo, tanta pioggia in arrivo e pericolo nubifragi: previsioni per le prossime ore

Durante la prossima notte le precipitazioni diverranno via via più intense: giovedì la giornata peggiore. Rischio alluvioni lampo secondo iLMeteo.it. Maltempo su molte regioni

Tanta, tanta pioggia in arrivo. Tra oggi mercoledì 3 aprile e domani giovedì 4 aprile 2019 l'Italia sarà investita da un vero e proprio ciclone di maltempo colmo di pioggia, grandine e neve. Da non sottovalutare secondo gli esperti il pericolo di nubifragi, grandinate e alluvioni lampo. Il team de iLMeteo.it spiega che, analizzando gli ultimi aggiornamenti provenienti dal Centro Europeo per le previsioni a medio termine (ECMWF) si vede come il ciclone ricolmo di aria fredda in discesa dal Nord Europa verrà continuamente alimentato da correnti più miti ed instabili in arrivo da Sud. Questo mix potenzialmente esplosivo fornirà il carburante necessario per avere fenomeni meteo particolarmente intensi. Insomma, fuori gli ombrelli.

Previsioni oggi e domani: meteo 3-4 aprile

Durante la prossima notte le precipitazioni diverranno via via più intense specie su Alpi e Prealpi dove sono attese nevicate abbondantissime sotto forma di vere e proprie bufere con più di 60 cm di accumulo oltre i 1200 metri di quota (punte fino a 1 metro di neve fresca oltre i 1800 metri). Il maltempo comunque interesserà anche i settori della pianura Padana: sono attesi infatti temporali a Milano e sul Triveneto con la possibilità di nubifragi e locali alluvioni lampo specie sulle province di Treviso, Pordenone e Udine. Acqua alta a Venezia dove, a causa dei forti venti di Scirocco, è attesa un'onda di marea di circa 110 cm tra Giovedì 4 e Venerdì 5 Aprile. Possibili criticità legate ai forti temporali tra Mercoledì e Giovedì anche su buona parte delle province liguri, dapprima quelle di Ponente in estensione poi a quelle di Levante. A Genova e La Spezia sono invece attese cumulate di pioggia oltre i 60/70 mm (con punte di 100 mm e più nelle zone interne) in poco tempo con la possibilità di locali allagamenti.

Maltempo dietro l'angolo, giovedì sarà la giornata peggiore: le previsioni meteo

Maltempo, previsioni: giovedì la giornata con più pioggia

Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito iLMeteo.it avverte che l'ondata di maltempo raggiungerà, specie durante la giornata di giovedì, anche le regioni del Centro-Sud dove i contrasti tra masse d'aria diverse saranno ancora più forti con la possibilità di temporali con grandine a Firenze, Roma e Napoli. Anche qui attese cumulate di pioggia intorno ai 70/80 mm in 12 ore. Tanta pioggia infine anche in Sicilia e in Calabria, qui con nubifragi sulle coste ioniche.

Possibili, in caso di forti piogge, locali disagi alla circolazione automobilistica derivanti da allagamenti e forte vento.

Bomba-meteorologica-3419-2

Meteo, nuovo ribaltone nella prima settimana di aprile 

Coldiretti: "Il maltempo arriva come una manna"

Il maltempo arriva come una manna per gli agricoltori: in molte zone non piove da tempo in modo significativo con precipitazioni dimezzate al Nord e circa 15 miliardi di metri cubi in meno di acqua rispetto alla media stagionale nel trimestre invernale 2019. E` quanto afferma la Coldiretti in riferimento all'arrivo della perturbazione proveniente dal Nord Europa che riporta la neve sulle Alpi e la pioggia nella Penisola.

Le precipitazioni sono importanti per ripristinare le scorte di acqua sulle montagne, negli invasi, nei laghi, nei fiumi e nei terreni asciutti, per lo sviluppo primaverile delle coltivazioni. La pioggia però deve cadere - continua la Coldiretti - in modo costante e durare nel tempo, mentre i forti temporali, soprattutto se si manifestano con precipitazioni intense, rischiano di provocare danni poiché i terreni non riescono ad assorbire l'acqua che cade violentemente e tende ad allontanarsi per scorrimento. In particolare a preoccupare è l'annunciato arrivo della grandine che è uno dei eventi più temuti dagli agricoltori in questo momento perché i chicchi si abbattono sulle verdure e sui frutteti in fiore e spogliano le piante compromettendo la produzione successiva.

La perturbazione colpisce l'Italia dopo un lungo periodo di caldo e siccità che ha fatto scattare l'allarme per le semine primaverili di granoturco, soia, girasole, barbabietole, riso e pomodoro nei terreni aridi per la mancanza dell'acqua. Se da un lato infatti il "bel tempo" ha permesso agli agricoltori di fare le lavorazioni per preparare il terreno alla semina in modo ottimale, non si può dire la stessa cosa per la germinazione dei semi, che - spiega Coldiretti - può avvenire solo se in presenza di buona umidità. Invece - continua la Coldiretti - manca l'acqua nei terreni, negli invasi nei laghi e nei fiumi con il Po che spiega la Coldiretti sceso a meno di 3,18 metri rispetto al suo zero idrometrico al Ponte della Becca a Pavia, il lago di Como riempito per appena il 7,6% e il Maggiore per meno di un terzo (29,5%) del suo potenziale.

"Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Italia dove l'eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che - sottolinea la Coldiretti - si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne".

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meteo, tanta pioggia in arrivo e pericolo nubifragi: previsioni per le prossime ore

Today è in caricamento