rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Mondo

Migranti, nel 2016 oltre cinquemila morti nel Mediterraneo

Quest'anno ogni giorno in media 14 persone sono morte nel Mar Mediterraneo: si tratta del numero più alto mai registrato. Le cause: navi di peggiore qualità, proibitive condizioni meteo e tattiche utilizzate dagli scafisti

Più di 5mila migranti hanno trovato la morte nel 2016 attraversando il Mediterraneo nel tentativo di raggiungere l'Europa. L'ha indicato oggi l'Onu, che ha lamentato ieri la morte di circa 100 persone. Nel 2016, ogni giorno in media 14 persone sono morte nel Mediterraneo, si tratta del numero più alto mai registrato.

Una strage silenziosa che non si placa. "Noi crediamo che circa 100 persone siano annegate ieri nel Mediterraneo. I guardiacoste italiani hanno effettuato quattro operazioni di salvataggio nella zona centrale del Mediterraneo", ha dichiarato un portavoce dell'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr), William Spindler, in una conferenza stampa.

"Queste ultime tragedie - ha continuato - portano il numero dei decessi a oltre 5mila quest'anno", contro i 3.771 dello scorso anno.

Si tratta del bilancio più grave mai registrato, per quanto il numero delle persone che ha attraversato il Mediterraneo quest'anno (circa 350mila secondo Organizzazione mondiale delle migrazioni) sia fortemente diminuito rispetto al 2015, quando erano oltre un milione.

Spindler ha spiegato che ci sono "cause multiple" in questa crescita della mortalità. Sembra "essere legata - ha spiegato - all'utilizzo da parte degli scafisti di navi di peggiore qualità, alle condizioni meteo e alle tattiche utilizzate dagli scafisti per evitare di essere intercettati dalle autorità".

Tra queste, si può citare la partenza, in contemporanea, di un elevato numero di imbarcazioni, così da rendere più difficile il lavoro dei soccorritori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, nel 2016 oltre cinquemila morti nel Mediterraneo

Today è in caricamento