rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Mondo Corea del Sud

In Corea del Sud vince il candidato dell'opposizione: "Ripristineremo giustizia e buon senso"

Il conservatore Yoon Suk-yeol eletto nuovo presidente: "Aperti al dialogo con Pyongyang ma pronti a rispondere con severità a qualsiasi comportamento irragionevole". La prima telefonata con Biden

Yoon Suk-yeol, candidato del People Power Party, di opposizione e di orientamento conservatore, è uscito vincitore dalle urne, e sarà il prossimo presidente della Corea del Sud. Lo sfidante, Lee Jae-myung, del Partito Democratico, riferisce l'agenzia Yonhap, ha riconosciuto la sconfitta alle elezioni presidenziali e si è congratulato con Yoon per una vittoria che è stata davvero al fotofinish, con circa 200mila voti di scarto.

Sulla Corea del Nord, l'argomento sempre più pressante per il Paese, il presidente eletto ha detto che risponderà "con severità a qualsiasi comportamento illegale o irragionevole" di Pyongyang eremita, assicurando allo stesso tempo che la finestra del dialogo "rimarrà sempre aperta". Yoon, intervenuto alla Biblioteca dell'Assemblea nazionale, ha parlato anche dei rapporti con gli altri vicini: quanto alla Cina, ha promesso di costruire una relazione bilaterale di "rispetto reciproco", mentre si è impegnato a lavorare per "una relazione lungimirante" con il Giappone.

Il primo colloquio telefonico è stato con il presidente americano Joe Biden, lo staff di Yoon con cui ha già parlato di una visita a Washington in programma subito dopo il suo insediamento alla Blue House in programma il 10 maggio. Il capo della Casa Bianca e il neo eletto esponente del conservatore partito del potere al popolo hanno evidenziato la "forza" dell'alleanza bilaterale, che Biden ha definito "l'asse della pace, della sicurezza e della prosperità nell'Indo-Pacifico", secondo una nota della Casa Bianca. Il presidente Usa ha anche sottolineato l'impegno degli Stati Uniti per la difesa della Corea del Sud e ha espresso a Yoon il suo desiderio di "lavorare insieme per approfondire la cooperazione sulle principali sfide globali, inclusi i cambiamenti climatici, la pandemia e le catene di approvvigionamento". Infine, Biden si è impegnato a "mantenere uno stretto coordinamento nel rispondere alle minacce poste dai programmi nucleari e missilistici della Corea del Nord".

In qualità di nuovo presidente Yoon ha assicurato di voler fidarsi e seguire la volontà del popolo, promettendo la chiusura di ogni divisione nazionale a causa della polarizzazione nel Paese confermata dal risicatissimo vantaggio dello 0,73% che gli ha permesso di vincere sul democratico Lee Jae-myung in quella che è stata la competizione elettorale più combattuta e acrimoniosa nella storia democratica del Paese. "Mi fiderò esclusivamente delle persone e seguirò la volontà delle persone. I risultati elettorali costituiscono un appello alla riforma e al ripristino della giustizia e del buon senso, nonché il disperato appello del popolo a fare politica di unità, non di divisione", ha aggiunto Yoon.

Sull'economia, il presidente eletto, 61 anni ed ex alto procuratore con una forte impronta conservatrice, ha promesso il passaggio a un approccio orientato all'uomo in modo da creare posti di lavoro e da rafforzare la classe media. "Mi terrò lontano da qualsiasi forza o ideologia che minacci la libera democrazia e aderirò al buon senso del popolo nella gestione della nazione", ha osservato, assicurando la collaborazione con tutti i partiti di opposizione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Corea del Sud vince il candidato dell'opposizione: "Ripristineremo giustizia e buon senso"

Today è in caricamento