rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Mondo Germania

Ratisbona, 547 casi di abusi nel coro: "Georg Ratzinger sapeva e non agì"

Come si legge nell'ultimo rapporto, furono oltre 500 i casi di violenze e maltrattamenti avvenuti tra il 1945 e gli anni '90, nel celebre coro diretto per circa 30 anni da Georg Ratzinger, fratello del Papa Emerito Benedetto XVI

Circa 547 ragazzini avrebbero subito abusi e maltrattamenti mentre facevano parte del  celebre coro cattolico tedesco di Ratisbona, nel periodo che va tra il 1945 e l'inizio degli anni '90. 

E’ quanto si legge in un nuovo rapporto. Circa 500 ragazzi del coro di “Regensburger Domspatzen” hanno subito maltrattamenti fisici e 47 sono stati fatti oggetto di aggressioni sessuali e abusi, ha indicato l’avvocato Ulrich Weber, incaricato dalla Chiesa di fare luce su questa vicenda assurta agli onori della cronaca nel 2010.

Il Coro di Ratisbona, di antichissime origini, è stato per circa 30 anni (sino al 1964) diretto da Georg Ratzinger, fratello del Papa Emerito Benedetto XVI.Le cifre emerse oggi sono largamente superiori a quelle pubblicate nel gennaio del 2016, quando una prima relazione evocava 231 vittime di abusi.

Prescritti la maggior parte dei casi

A febbraio dell’anno precedente le autorità cattoliche locali ne avevano riconosciuto solo 72. I maltrattamenti comprendono la privazione del cibo, percosse e abusi sessuali. La maggior parte dei casi, tuttavia, è ormai prescritta e i presunti 49 autori delle violenze identificati nel rapporto non saranno perseguiti.

Una scuola-prigione

“Le vittime”, che verranno risarcite con un massimo di 20.000 euro, “hanno descritto i loro anni di scuola come una prigione, come l’inferno e come un campo di concentramento. Molti si ricordano di quegli anni come il periodo peggiore della sua vita, caratterizzato da paura e violenza”, si segnala nel rapporto.

Georg Ratzinger sapeva

Secondo l’avvocato Weber, il fratello del Papa emerito sarebbe stato a conoscenza degli abusi e avrebbe “distolto lo sguardo”: la “cultura del silenzio” regnava nel coro, dove la protezione dell’istituto sembra essere la priorità, secondo il legale. Nel 2010, un ex membro del coro, il direttore d’orchestra e compositore Franz Wittenbrink, testimoniò allo Spiegel sulla presunta violenza di cui sarebbe stato capace Georg Ratzinger, più in generale evocando un “sistema di punizioni sadiche collegate al piacere sessuale”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ratisbona, 547 casi di abusi nel coro: "Georg Ratzinger sapeva e non agì"

Today è in caricamento