rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Tensione alle stelle / Stati Uniti d'America

L'aereo "dell'apocalisse" è arrivato in Europa

L'arrivo dell'E-6B Mercury dell'aeronautica statunitense in territorio europeo potrebbe essere una mossa preventiva in caso di escalation nucleare del conflitto con la Russia

L'aereo "dell'apocalisse" dell'aeronautica statunitense è atterrato in Islanda. Il nome del grande velivolo non è casuale: il "Mercury E-6B" viene infatti schierato in caso di conflitti gravi, quando occorre assicurare la trasmissione delle informazioni per il lancio di testate nucleari. L'aereo è giunto nei giorni scorsi in Islanda nell'ambito di "un'operazione nell'area di responsabilità del comando delle forze armate statunitensi in Europa", secondo quanto reso noto in un tweet dell'U.S. European Command. "L'equipaggio ha incontrato l'ambasciatore statunitense in Islanda Carrin Patman e altri leader diplomatici e militari", si legge ancora nel post.

Il Mercury E-6 è un Boeing 707-320 modificato. Quello atterrato in Islanda è la versione aggiornata dell'E-6A con una nuova cabina di pilotaggio che aumenta la "consapevolezza del pilota". Il velivolo può arrivare a una velocità di 960 km/h e ha un'autonomia di oltre 15 ore senza rifornimenti e di 72 ore, tre giorni, con un rifornimento in volo.

Il Boeing opera come posto di comando e centro di comunicazioni, trasmettendo informazioni dalla National command authority, con un ruolo fondamentale nella trasmissione delle informazioni ai sottomarini lanciamissili balistici. Queste sue particolari potenzialità e il suo utilizzo in caso di pericolo nucleare gli hanno permesso l'attribuzione del nome "aereo dell'apocalisse".

Il suo arrivo in Europa nelle ultime ore fa pensare a una mossa preventiva da parte degli Stati Uniti in caso di degenerazione della guerra con la Russia. I timori di un'escalation nucleare del conflitto sono cresciuti da quando Vladimir Putin, lo scorso 24 febbraio, ha annunciato la sospensione del trattato "Start" siglato per la prima volta nel 1991 e riguardante la riduzione delle armi nucleari strategiche con raggio d'azione intercontinentale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'aereo "dell'apocalisse" è arrivato in Europa

Today è in caricamento