rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Germania / Germania

Berlino, il nuovo aeroporto "infinito" diventa un caso politico

Ancora rinviata l'apertura del nuovo aeroporto di Berlino Willy Brandt. Nel progetto e nei lavori di costruzione una serie incredibile di errori. Ora la poltrona del sindaco Klaus Wowereit vacilla

Un nuovo clamoroso rinvio per l'apertura del nuovo aeroporto di Berlino Willy Brandt. Secondo la Bild, l'inaugurazione del nuovo scalo slitterà addirittura al 2014. E il tabloid di Axel Springer, che ha dato per primo la notizia in esclusiva, si chiede se a questo punto non sia a rischio anche il posto del sindaco della capitale: il socialdemocratico Klaus Wowereit, al suo secondo mandato nella città che definì, con un felicissimo slogan, "povera ma sexy".

L'inaugurazione già fissata per il 27 ottobre 2013 non ci sarà. E adesso i responsabili del progetto nemmeno si azzardono a ipotizzare nuove date. E' un brutto colpo per l'immagine di efficienza e precisione che la Germania ha in tutto il mondo.  

Lo scalo è in costruzione dal 2006 non lontano dall'aeroporto di Schönefeld, e dovrà sostituire sia quest'ultimo sia Tegel, altro scalo a nord della capitale tedesca. Lo storico aeroporto di Tempelhof venne chiuso nel 2008.

Il primo grande problema del nuovo aeroporto è risultato essere il sistema antincendio. Ma giorno dopo giorno sono venuti a galla incredibili errori di progettazione o di costruzione: la Lan interna, indispensabile per gestire il boarding, il check-in e l’illuminazione delle piste non funzionano a dovere. Più di 60 chilometri di tubature di raffreddamento non sono state isolate. Quando piove l'acqua rischia di finire dentro l'impianto di ventilazione. Le scale mobili sono troppo corte. I pavimenti del terminal mostrano già le prime crepe. La segnaletica è piena di errori. Un vero e proprio smacco per Berlino.

Inevitabile, lo scorso anno, il licenziamento del progettista capo. Ora l'aeroporto di Berlino Willy Brandt potrebbe nascere già troppo piccolo rispetto a numero di passeggeri previsti. La "pazza idea" di butatre giù tutta la costruzione e ricominciare da capo circola con sempre maggiore insistenza.

Il sindaco Klaus Wowereit si è dimesso da presidente del consiglio di sorveglianza della società che gestisce lo scalo. L'opposizione nel consiglio della città-Stato di Berlino (Verdi e Partito Pirata) chiede le dimissioni di Woweriet, che per ora rimane saldo sulla sua poltrona grazie al sostegno di Spd e Cdu.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berlino, il nuovo aeroporto "infinito" diventa un caso politico

Today è in caricamento