rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Caso marò / India

Caso marò, scheda: quanti affari tra Roma e New Delhi

E' di 8,5 miliardi di euro la mole degli interessi commerciali tra Italia e India. E l'obiettivo è di raggiungere i 15 miliardi di intercambio entro il 2015

In due decenni, dal 1991 al 2011, l'interscambio commerciale Italia-India è cresciuto di 12 volte, passando da 708 milioni di euro a 8,5 miliardi di Euro.

Nel 2011, secondo i dati Istat, l'interscambio complessivo è aumentato del 18,2% (+10,4% le esportazioni italiane e +25,1% quelle indiane in Italia), confermando l'Italia come quarto partner commerciale dell'India tra i Paesi Ue dopo Germania, Belgio e Gran Bretagna. I Governi dei due Paesi si sono dati un obiettivo di 15 miliardi di Euro di intercambio entro il 2015.

Macchinari e apparecchi rappresentano la prima voce dell'export italiano verso l'India, con una quota del 44,4% nel 2011; oltre un quarto delle importazioni italiane dall'India rientrano nella categoria tessile-abbigliamento-accessori.

CASO MARO': TENSIONE TRA ITALIA E INDIA

Nel 2012 si è però registrata una contrazione dell'interscambio. Nei primi nove mesi dell'anno scorso, secondo dati Istat/Eurostat, il flusso commerciale bilaterale con l'India ha registrato una flessione del 17,7%, con una riduzione delle esportazioni italiane pari all'11% ed una diminuzione delle importazioni dall'India pari al 22%.

Le principali esportazioni italiane in India sono rappresentate dai settori della meccanica strumentale (44,4%), metallo e prodotti in metallo (11,3%), mezzi di trasporto (9,0%) e prodotti chimici (7,6%) . Tra i principali investitori italiani in India figurano Eni, Fiat, Luxottica, Merloni, Piaggio. (Scheda Ansa)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso marò, scheda: quanti affari tra Roma e New Delhi

Today è in caricamento