Sabato, 6 Marzo 2021
Stati Uniti d'America

La donna accusata di aver ucciso le due figlie piccole in casa. La chiamata choc al 911: "Le hai affogate?"

A lanciare l'allarme è stato il padre, Jaykwon Singleton, che ha trovato le bambine senza vita in soggiorno. La donna ha detto agli agenti che qualcuno ha messo lì i corpi per incastrarla

Foto Metropolitan Police Department

Una donna di 26 anni, Amanda Sharp-Jefferson, è stata arrestata a Las Vegas con l’accusa di aver ucciso le sue due figlie, Lily e Rose Singleton, rispettivamente di 1 anno e due mesi, in circostanze ancora tutte da chiarire. Come si legge in un rapporto del Metropolitan Police Department, l’omicidio sarebbe avvenuto nella mattinata del 6 novembre. La polizia è stata avvertita con una chiamata arrivata al centralino del 911.

Las Vegas, donna accusata di aver ucciso le due figlie di 1 anno e 2 mesi

Quando gli agenti sono arrivati sul posto, un appartamento di Sierra Vista Drive, hanno trovato i corpi esanimi delle due bambine accatastati in un angolo del soggiorno. Secondo l’emittente Ktmv Las Vegas, a lanciare l’allarme - alle 12.15 - sarebbe stato il padre delle due bimbe, Jaykwon Singleton, che era appena tornato a casa dal lavoro. Durante la chiamata gli agenti di polizia avrebbero sentito l’uomo chiedere alla moglie: “Che cosa hai fatto? Li hai affogati?”. Singleton ha detto agli inquirenti di essere uscito di casa la sera prima intorno alle 19.30 e che la situazione sembrava tranquilla. Quando è tornato si è trovato davanti all’orrore. Amanda Sharp-Jefferson è stata portata in una stazione di polizia e successivamente arrestata con l’accusa di duplice omicidio.

donna uccide figli nevada-2

Ktmv scrive che di fronte agli agenti si è comportata in un modo “bizzarro” tanto che non è escluso che al momento del presunto omicidio fosse incapace di intendere e di volere. Stando alla sua versione, la donna avrebbe trovato i bambini privi di vita in soggiorno dopo essersi svegliata, ma anziché chiamare i soccorsi ha deciso di fare una doccia.

Ai poliziotti ha giurato che quei bimbi non erano suoi e che erano stati messi lì da qualcuno che voleva “incastrarli”. Non solo: avrebbe anche riferito di aver visto un film i cui protagonisti guadavagno soldi vendendo parti del corpo di persone uccise. Un racconto agghiacciante, ma allo stesso tempo sconclusionato. L’udienza preliminare del processo è stata fissata per il 24 novembre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La donna accusata di aver ucciso le due figlie piccole in casa. La chiamata choc al 911: "Le hai affogate?"

Today è in caricamento