rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
FALKLAND / Regno Unito

Falkland, a 30 anni dalla guerra ancora tensione tra GB e Argentina

In occasione delle celebrazioni Cameron ribadisce il diritto della popolazione a "determinare il proprio futuro", ma la Kirchner risponde: "una vergogna che ci siano enclavi coloniali nel XXI secolo"

Sono passati trent'anni da quel conflitto che è ancora causa di contrasti tra Argentina e Gran Bretagna. In occasione dell’anniversario della guerra delle Falkland i due Paesi, nelle loro rispettive cerimonie, hanno dimostrato che la questione è tutt’altro che chiusa.

 “Trent’anni fa la gente delle Falklands ha subito un attacco che voleva privarli della loro libertà e del loro stile di vita” ha detto il premier britannico David Cameron, come riportato dal sito della Bbc. “La Gran Bretagna continua a impegnarsi per garantire il diritto alla popolazione delle Falkland di poter determinare il proprio futuro. Questo è il principio fondamentale che era in gioco 30 anni fa e che noi riaffermiamo solennemente oggi”.

La reazione di Cristina Fernandez de Kirchner, presidente dell’Argentina, non si è fatta attendere. In un discorso tenuto al porto di Ushuaia ha attaccato le rivendicazioni britanniche sulle isole Falkland, come riporta il Clarin. “E’ un’ingiustizia che nel XXI secolo ci siano ancora delle enclavi coloniali come quella che c’è qui. Sedici in tutto il mondo, di cui dieci appartengono al Regno Unito”. “Chiediamo anche che smettano di sfruttare il nostro ambiente, le nostre risorse naturali, il nostro pretrolio” ha aggiunto la Kirchner, facendo riferimento ad un giacimento scoperto nel 2010.

L’arcipelago delle Falkland si trova nell’Oceano Atlantico e venne conquistato dagli inglesi nel 1833. Il 2 aprile del 1982 le isole vennero occupate da una spedizione militare argentina, che da sempre rivendicava il controllo di quei territori chiamati da loro isole Malvine, per ordine dell’allora presidente e generale Leopoldo Galtieri. L’Inghilterra di Margaret Thatcher non esitò a organizzare una task force navale riconquistando le isole. La guerra terminò il 14 giugno e costò la vita a 255 soldati britannici e a 650 argentini.  Ad oggi i rapporti tra Buenos Aires e Londra circa la questione delle Falklands rimane ancora molto tesa, senza contare che proprio oggi è salpato alla volta dell’Atlantico un incrociatore militare britannico, Hms Dauntless, dove rimarrà per sei mesi.  
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falkland, a 30 anni dalla guerra ancora tensione tra GB e Argentina

Today è in caricamento