rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
La grande paura / Ucraina

"Il pericolo di una guerra nucleare è più alto oggi che durante la Guerra Fredda"

L'allarme degli analisti del Sipri (Stockholm International Peace Research Institute): "Tutti gli Stati stanno aumentando o potenziando i loro arsenali"

Il mondo compie pericolosi passi indietro e il rischio del ricorso alle armi nucleari è oggi maggiore rispetto al periodo più critico della Guerra Fredda. Lo dicono gli analisti del Sipri (Stockholm International Peace Research Institute) in occasione della pubblicazione del nuovo rapporto annuale sul disarmo."Sebbene ci siano stati alcuni miglioramenti significativi sia nel controllo delle armi nucleari che nel disarmo nucleare nell'ultimo anno, il rischio di utilizzo di armi nucleari sembra più alto ora che in qualsiasi momento, dall'apice della Guerra Fredda", spiega il direttore del Sipri.

Le stime del Sipri suggeriscono che il numero totale di armi nucleari è leggermente diminuito (di 375 testate) a gennaio 2022 rispetto all'anno precedente, con gli arsenali che dovrebbero ancora crescere nel prossimo decennio. L'attuale calo è principalmente attribuibile alla Russia e agli Stati Uniti che stanno smantellando le testate più vecchie.

Per Hans M. Kristensen, funzionario del programma di distruzione di massa delle armi del Sipri, ci sono "chiare indicazioni" del fatto che la tendenza alla riduzione degli arsenali nucleari dopo la fine della Guerra Fredda sia finita."Tutti gli Stati dotati di armi nucleari stanno aumentando o potenziando i loro arsenali e la maggior parte sta affinando la retorica nucleare e il ruolo che le armi nucleari svolgono nelle loro strategie militari", ha spiegato Wilfred Wan, direttore del programma di distruzione di massa delle armi del Sipri parlando di tendenza "molto preoccupante".

Secondo i dati, la Russia e gli Stati Uniti insieme possiedono oltre il 90 per cento di tutte le armi nucleari. Gli altri sette stati dotati di armi nucleari stanno sviluppando o schierando nuovi sistemi d'arma, o hanno annunciato la loro intenzione di farlo. La Cina è nel mezzo di una sostanziale espansione del suo arsenale di armi nucleari, che secondo le immagini satellitari include la costruzione di oltre 300 nuovi silos missilistici. Si pensa che diverse testate nucleari aggiuntive siano state assegnate alle forze operative nel 2021 in seguito alla consegna di nuovi lanciatori mobili e di un sottomarino.

sipri-3

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il pericolo di una guerra nucleare è più alto oggi che durante la Guerra Fredda"

Today è in caricamento