rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
TUNISIA / Tunisia

Assassinato leader dell'opposizione Mohamed Brahmi

La notizia è stata data dalla televisione di Stato

l leader di un partito di opposizione, il deputato Mohamed Brahmi, è stato ucciso oggi a colpi di arma da fuoco davanti alla sua abitazione a Tunisi. Lo hanno reso noto i media ufficiali e funzionari del partito.

"Mohamed Brahmi, coordinatore generale del Movimento popolare e membro dell'Assemblea nazionale costituente, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco davanti alla sua abitazione nel quartiere di Ariana", hanno riferito la televisione di Stato e l'agenzia di stampa Tap.

"Mohamed Brahmi è stato ucciso, crivellato di colpi davanti alla sua sposa e i suoi bambini", ha dichiarato in lacrime alla radio Mohsen Nabtri, un membro dell'ufficio politico del Movimento popolare, piccola formazione di sinistra.

La televisione Watanya ha precisato che Brahmi è stato ucciso con 11 colpi sparati da sconosciuti. L'assassinio di Brahmi è il secondo di questo tipo dopo quello del membro dell'opposizione Chokri Belaid, ucciso il sei febbraio scorso a colpi di armi da fuoco davanti alla sua abitazione. L'uccisione di Belaid aveva provocato una grave crisi politica nel paese.

La famiglia di Mohamed Brahmi, il deputato dell'opposizione ucciso oggi a colpi di arma da fuoco a Tunisi, ha accusato il partito islamista Ennahda attualmente al potere nel paese nordafricano di essere responsabile dell'uccisione.
"Accuso Ennahda, sono loro che l'hanno ammazzato", ha detto in lacrime all'Agence France Presse Chhiba Brahmi, sorella del defunto. "La nostra famiglia aveva la sensazione che Mohamed avrebbe avuto la stessa sorte di Chokri Belaid", ha aggiunto la donna, riferendosi al membro dell'opposizione ucciso lo scorso sei febbraio con modalità simili. "Basta, basta, non possiamo più vivere con i barbuti (islamisti, ndr)", ha detto Chhiba, che per il momento non ha fornito prove a sostegno della sua accusa.

L'uccisione di Belaid era stata anch'essa attribuita dalla famiglia a Ennahda, ma il partito di governo aveva negato ogni implicazione e alla fine di febbraio la magistratura ha imputato l'omicidio a un piccolo gruppo di islamisti radicali.

LE MANIFESTAZIONI - Centinaia di tunisini sono scesi in strada oggi per protestare contro l'uccisione di Mohamed Brahmi, membro del partito dell'opposizione di sinistra Movimento popolare assassinato oggi a colpi di arma da fuoco da sconosciuti.
A Sidi Bouzid, città natale di Brahmi e luogo dove alla fine del 2010 era scoppiata la prima rivolta della 'rivoluzione tunisina' e della 'primavera araba', centinaia di persone hanno manifestato contro Ennahda e Gannouchi. Nella stessa regione, a Menzel Bouzaiene, migliaia di persone si sono riversate nelle strade e hanno appiccato fuoco alla sede locale di Ennahda.
Decine di persone hanno gridato la loro collera nel centro della capitale: "La Tunisia è libera, la fratellanza deve andare via", hanno scandito in riferimento ai legami con i Fratelli Musulmani del partito islamista al potere, Ennahda, che la famiglia di Brahmi ha anche accusato dell'assassinio.
"L'assemblea costituente dev'essere sciolta", hanno gridato alcuni dei manifestanti, accusando il capo del partito islamista, Rashid al-Gannouchi, di essere un "assassino".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assassinato leader dell'opposizione Mohamed Brahmi

Today è in caricamento