Mercoledì, 17 Luglio 2024
Attentato / Cina

Va all'asilo e fa una strage: 6 morti (tra cui 3 bambini)

Fermato un giovane di 25 anni. Sei persone uccise e una ferita in un attentato a Lianjiang, nella provincia meridionale cinese del Guangdong. Le vittime, tutte accoltellate, sono un insegnante, due genitori e tre piccoli alunni

Sei persone sono state uccise e una ferita in un attentato avvenuto in un asilo di Lianjiang, nella provincia meridionale cinese del Guangdong. Le vittime (non è ancora chiaro con che arma bianca siano state colpite) sono un insegnante, due genitori e tre piccoli alunni.  Un uomo sospetto è stato arrestato, secondo quanto ha dichiarato una portavoce del governo cittadino. È un giovane di 25 anni, si tratta di un "attacco intenzionale", ma non ci sono al momento altri dettagli.

L'attacco è avvenuto lunedì alle 7:40 ora locale, mezzanotte circa in Europa. Secondo il quotidiano The Paper, che rilancia testimonianze di cittadini, un uomo si è presentato in un asilo nido portando con sé un coltello, con il quale ha aggredito un bambino e due adulti all'ingresso prima di entrare. La polizia locale ha poi comunicato che l'uomo di 25 anni, di cognome Wu, ha perpetrato un "aggressione intenzionale" e che si trova in stato di fermo, sebbene le autorità non abbiano fornito informazioni specifiche sull'attacco. L'età e l'identità delle vittime non è nota. E' in corso un'indagine della polizia.

La Cina vieta severamente ai cittadini di possedere armi da fuoco e negli ultimi anni c'è stata un'ondata di accoltellamenti. Attacchi mortali rivolti specificamente contro le scuole si sono verificati a livello nazionale, spingendo le autorità a rafforzare la sicurezza intorno agli istituti.

Continua a leggere su Today.it...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Va all'asilo e fa una strage: 6 morti (tra cui 3 bambini)
Today è in caricamento