Lunedì, 27 Settembre 2021
Mondo Francia

Francia, attacco a Notre Dame: "È stato un atto isolato, non era radicalizzato"

L'uomo, rimasto ferito dopo l'attacco, è uno studente algerino di circa quarant'anni. Colpito dagli spari dei poliziotti, ha dichiarato: "Sono un soldato del Califfato"

L'uomo che martedì pomeriggio ha aggredito con un martello un poliziotto davanti a Notre-Dame "non era affatto un radicalizzato" e "tutti gli elementi raccolti" confermano la tesi di "un atto isolato". Lo ha detto questa mattina il portavoce del governo francese Christophe Castaner intervistato alla radio Rtl.

Rimasto ferito dopo l'attacco, è uno studente algerino di circa quarant'anni. Nato in Algeria nel 1977 è e un dottorando in scienza dell'informazione dell'università della Lorraine. Secondo il rettore di questa università, Pierre Mutzenhardt - scrive Le Monde - lo studente "preparava la sua tesi dal 2014" e "non mostrava niente di sospetto".

Nel lanciarsi contro l'agente - un poliziotto di 22 anni rimasto ferito in modo lieve - l'algerino, che aveva con sé anche due coltelli da cucina, ha gridato: "E' per la Siria" e una volta a terra, colpito dagli spari degli altri poliziotti, ha dichiarato: "Sono un soldato del Califfato".

Nel corso della perquisisizone nel suo appartamento a Cergy-Pontoise, periferia nord-occidentale di Parigi, è stato ritrovato un video di rivendicazione. Già ieri il ministro degli Interni Gerard Collomb aveva detto che l'uomo aveva agito da solo.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Francia, attacco a Notre Dame: "È stato un atto isolato, non era radicalizzato"

Today è in caricamento