Giovedì, 6 Maggio 2021
Germania

Berlino come Nizza, camion contro la folla: strage di Natale "dell'Isis"

L'attacco - rivendicato dall'Isis - intorno alle 20 di lunedì 19 dicembre al celebre mercatino di Natale di Charlottemburg, il Kudamm. Il bilancio è di almeno nove vittime e decine di feriti. Due gli attentatori alla guida di un tir con targa polacca: uno è stato ucciso, l'altro arrestato dopo la fuga

Foto Ansa

BERLINO (GERMANIA) - Il mercatino di Charlottemburg come la Promenade. Berlino come Nizza. Lo schema è spaventosamente simile: un tir a folle velocità che piomba sulla folla in festa. A pochi giorni da Natale, l'incubo Isis è tornato a materializzarsi in Europa. Stavolta le vittime sono famiglie alle prese con gli acquisti alle bancarelle al celebre mercatino di Natale di Charlottemburg, il Kudamm. Il bilancio, purtroppo destinato ad aggravarsi, è di almeno nove vittime. Ma i feriti "sono decine". Morto uno dei due terroristi: l'altro è stato arrestato dopo aver tentato la fuga.

L'ATTENTATO DI BERLINO - Un grosso camion Scania con targa polacca è piombato su un mercatino di Natale del viale principale dello shopping di Berlino, il Kudamm, per andarsi a fermare proprio contro l'albero natalizio. Nessun segno di frenata, nessun tentativo di frenare la corsa. Così si è subito capita la spaventosa realtà. E' stato un attentato, è stato l'ennesimo attacco dell'Isis. L'azienda proprietaria del tir, secondo quanto riportato dal Guardian, ha precisato che il veicolo era partito dall'Italia verso la Polonia questo pomeriggio alla volta di Berlino, ma che dalle 16 locali si sono perse le tracce del conducente, lasciando ipotizzare che il mezzo possa essere stato rubato.

IL TIR CONTRO LA FOLLA: IL VIDEO SHOCK

GERMANIA NEL TERRORE -  L'attentato è purtroppo solo l'ultimo episodio di violenza che ha insanguinato la Germania. Lo scorso 22 luglio a Monaco di Baviera il 18enne David Sonbody, tedesco-iraniano, ha sparato con una pistola contro un gruppo di persone in un centro commerciale uccidendo 9 persone e ferendone 25, prima di suicidarsi. Due giorni dopo un kamikaze profugo siriano che aveva appena giurato fedeltà all'Isis, Abu Mohammad Daleel, fece esplodere uno zaino imbottito di esplosivo ad Ansbach, sempre in Baviera, ferendo 15 persone. L'unica vittima fu lo stesso attentatore. 

L'ISIS RIVENDICA L'ATTENTATO DI BERLINO

LUTTO MONDIALE - A pochi minuti dall'attentato, il premier itlaiano Paolo Gentiloni ha espresso su Twitter il proprio cordoglio: "Dolore per la strage di Natale a #Berlino, vicinanza a Angela Merkel e a tutto il popolo tedesco". Quindi, le prime, tristi parole di Angela Merkel, tramite il suo portavoce Steffen Seibert: "Orrende notizie da Breitscheidplatz. La cancelliera Merkel è in contatto con il ministro dell'Interno e con il sindaco. Piangiamo i morti e speriamo che i molti feriti possano essere aiutati".

L'AVVISO DELLA FARNESINA -  La Farnesina ha riferito sul proprio account Twitter di verifiche in corso dell'unità di crisi, in contatto con l'ambasciata italiana in Germania, dopo l'attentato. Stando a quanto si legge sul sito Viaggiare Sicuri "si raccomanda ai connazionali di evitare la zona, tenersi informati sui media sugli sviluppi della situazione e seguire le indicazioni delle autorità locali".

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berlino come Nizza, camion contro la folla: strage di Natale "dell'Isis"

Today è in caricamento