Venerdì, 30 Luglio 2021
Mondo

Parigi, attacco armato al giornale Charlie Hebdo: strage in redazione

Tre uomini armati di kalashnikov hanno fatto irruzione nella sede del settimanale satirico francese e hanno aperto il fuoco. Dodici vittime

‏(Foto Twitter @mathieu_m)

PARIGI - Attacco armato nel cuore di Parigi, nella sede del giornale satirico Charlie Hebdo. E' stato un vero e proprio massacro, tanto che i media francesi parlano di almeno dodici morti e una decina di feriti. Tre uomini armati di kalashnikov, incappucciati e vestiti di nero, stamattina hanno fatto irruzione in redazione e, gridando "Vendicheremo il Profeta", hanno aperto il fuoco contro giornalisti e dipendenti. 

Il quotidiano francese 20Minutes è riuscito a contattare per telefono un dipendente del quotidiano il quale gli ha detto che ''è un vero massacro, ci sono dei morti''. Poi la linea è caduta. In passato Charlie Hebdo è più volte finito nel mirino degli integralisti islamici per aver irriso la figura del Profeta Maometto. Poi gli assalitori sono scappati a bordo di un'auto rubata. Ci sono posti di blocco in tutta la Francia ed è allerta massima per l'ipotesi di altri attacchi. Il presidente Hollande, arrivato sul posto, ha subito detto che "questo è terrorismo, è un attacco contro la libertà".

Nel 2006 il settimanale suscitò polemiche pubblicando una serie di caricature del profeta Maometto, diffuse inizialmente dal quotidiano danese Jyllands-Posten. Nel novembre 2011 la sede del settimanale venne distrutta da una bomba molotov e dall’incendio generato dall’esplosione. La redazione aveva annunciato la nomina di Maometto come direttore del numero in uscita, che si sarebbe chiamato "Sharia Hebdo" in relazione alla vittoria del partito islamico di Ennahda alle elezioni in Tunisia e alla decisione del nuovo governo libico di usare la sharia come principale fonte di legge.

L'ULTIMA VIGNETTA DEL DIRETTORE: "QUI NESSUN ATTENTATO"

I GIORNALISTI SCAPPANO SUL TETTO: GUARDA IL VIDEO

charlie hebdo 3-2-2-2-2


Ecco l'ultima vignetta postata su Twitter da Charlie Hebdo a circa quaranta minuti dall’attentato. Ritrae il califfo dello Stato Islamico Abu Bakr al-Baghdadi. È una vignetta di auguri inviati dall’Isis: "Al dunque, i migliori auguri".

charlie hebdo13-2


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parigi, attacco armato al giornale Charlie Hebdo: strage in redazione

Today è in caricamento