Sabato, 13 Luglio 2024
Mondo Austria

Italiani ma anche austriaci, Vienna concede la doppia cittadinanza ai sudtirolesi

Prime polemiche contro il neo governo austriaco di Sebastian Kurz, alleato con l'ultradestra di Heinz-Christian Strache. Il presidente dell'europarlamento Tajani: "L'Europa ha chiuso la stagione dei nazionalismi"

A Vienna c'è un'aria nuova: il nuovo governo di centrodestra guidato da Sebastian Kurtz e da Heinz-Christian Strache si impegnerà a valutare la possibilità di concedere ai sudtirolesi anche la cittadinanza austriaca. Una sortita che fa esultare i secessionisti sudtirolesi e dall'altro desta preoccupazione in tutta Europa.

Ad averne diritto al passaporto austriaco sarebbe il 70% dei cittadini altoatesini che durante i censimenti si sono dichiarati di madrelingua tedesca o ladina.

"Una mossa velleitaria", e tutt'altro che distensiva secondo il presidente dell'Europarlamento Antonio Tajani: "L'Europa ha tanti difetti ma ha chiuso la stagione dei nazionalismi"

Per il governo italiano interviene con il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova, che imputa a Vienna di "avere il crisma del pugno di ferro etno-nazionalista".

"Sdoganare la cittadinanza su base etnica avrebbe effetti gravissimi, ad esempio in tutti i Balcani, minando la convivenza nei paesi, anche nell'Ue, caratterizzati dalla presenza di cittadini di molteplici culture".

Nessuno spauracchio da Vienna invece per Matteo Salvini, al contrario un modello da seguire

"Strache non è assolutamente estremista. Se controllare i confini è estremista, allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io, come Lega, lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto, ma anche in Puglia o in Campania".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italiani ma anche austriaci, Vienna concede la doppia cittadinanza ai sudtirolesi
Today è in caricamento