rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Esteri

Immigrati, nell'Egeo è strage di bambini: 27 morti in tre giorni

Il premier greco Tsipras indignato con l'Europa: "Vengono versate lacrime di coccodrillo per i bambini morti sulle rive dell'Egeo". In un mese sono sessantotto i migranti morti al largo di Grecia e Turchia

ROMA - Ventisette bambini morti in 72 ore. E' il bilancio drammatico delle ultime stragi dei migranti avvenute al largo di Grecia e Turchia, durante la traversata alla volta dell'Europa. Dall'inizio di ottobre sono sessantotto i migranti morti nell'Egeo, che il premier greco Alexis Tsipras ha dichiarato oggi di non voler trasformare in un cimitero, affermando di "vergognarsi come leader europeo per l'incapacità dell'Europa di difendere i propri valori".

L'ultimo naufragio nella notte tra giovedì e venerdì, quando almeno ventidue persone, tra cui dodici minori, sono annegate al largo della Grecia, dopo che solo mercoledì scorso altre cinque imbarcazioni erano affondate nell'Egeo, causando la morte di diciassette persone, tra cui undici bambini. E altri quattro bambini, tutti siriani, di età compresa tra uno e quattro anni sono morti al largo della Turchia quando l'imbarcazione su cui si stavano dirigendo all'isola greca di Lesbo è affondata; le autorità sono riuscite a trarre in salvo diciannove persone.

Grecia, i centri di accoglienza Kos e Lesbo (Foto Georgios Makkas/MSF)

Venerdì notte due imbarcazioni partite dalla Turchia sono affondate al largo delle isole greche Kalymnos e Rodi: al largo di Kalymnos sono stati rinvenuti ieri mattina i corpi senza vita di diciannove migranti, tra cui sei donne, otto bambini e due neonati, morti nel naufragio della loro imbarcazione su cui viaggiavano "circa 150 persone". Al largo di Rodi, più a Sud, sono stati quindi recuperati i corpi di una donna, di un bambino e di un neonato, mentre risultano ancora disperse altre tre persone. Complessivamente sono 138 quelle tratte in salvo.

Soltanto giovedì le autorità greche avevano riferito di un bilancio ancora provvisorio del naufragio avvenuto mercoledì, con almeno diciassette morti, tra cui undici bambini, e trentotto dispersi. I soccorritori sono riusciti a portare in salvo 242 migranti, tra cui ancora tanti bambini. Almeno quindici di loro, di età compresa tra tre mesi e dieci anni, sono stati ricoverati per ipotermia.

I migranti in protesta a Budapest | Foto da Infophoto

"Voglio esprimere il mio infinito dolore per le decine di persone morte e per la tragedia umana in atto nei nostri mari - ha detto Tsipras in Parlamento - le onde dell'Egeo non stanno solo portando a riva i migranti morti, i bambini morti, ma anche la verà civiltà europea. Vengono versate lacrime di coccodrillo per i bambini morti sulle rive dell'Egeo - ha denunciato ancora - perchè i bambini morti causano sempre dolore, ma cosa facciamo per i bambini vivi che arrivano a migliaia e che sono stipati lungo le rotte dei migranti? Nessuno si cura di loro", ha concluso Tsipras. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immigrati, nell'Egeo è strage di bambini: 27 morti in tre giorni

Today è in caricamento