rotate-mobile
Sabato, 2 Marzo 2024
Un anno di guerra / Ucraina

Joe Biden è a Kiev: "La democrazia resiste"

Visita a sorpresa quattro giorni prima dell'anniversario dell'invasione: le immagini dell'incontro con Zelensky fanno il giro del mondo. Mezzo miliardo di dollari di aiuti militari in arrivo

Il presidente degli Usa Joe Biden è arrivato a Kiev in una visita a sorpresa qualche giorno prima dell'anniversario dell'invasione. Una visita già nella storia.

La visita di Biden oggi a Kiev

Biden è arrivato a Kiev per incontrare il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky. L'itinerario ufficiale del presidente degli Stati Uniti aveva suggerito che avrebbe visitato la Polonia, ma il presidente degli Stati Uniti è appena arrivato nella capitale dell'Ucraina. Con lui anche il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense John Sullivan.

"Al suono delle sirene antiaeree, Biden ha onorato i difensori ucraini caduti in guerra", scrive il Kiyv Post.

"Joseph Biden, benvenuto a Kiev! La tua visita è una manifestazione estremamente importante di sostegno per tutti gli ucraini", scrive su Telegram Zelensky, postando una foto dove stringe la mano a Joe Biden con alle spalle le bandiere di Ucraina e Usa. "Un anno dopo, Kiev e l'Ucraina restano in piedi. La democrazia resiste": lo ha detto il presidente Usa incontrando Zelensky al palazzo presidenziale.

Biden Zelensky

Biden annuncia mezzo miliardo di dollari di aiuti militari

"Nel momento in cui ci avviciniamo all'anniversario della brutale invasione russa dell'Ucraina, oggi sono a Kiev per incontrare il presidente Zelensky e riaffermare il nostro incrollabile impegno per la democrazia, la sovranità e l'integrità territoriale dell'Ucraina": è quanto si legge nella nota diffusa dalla Casa Bianca. L'inquilino della Casa Bianca ha poi detto: "Nell'ultimo anno, gli Stati Uniti hanno costruito una coalizione di nazioni dall'Atlantico al Pacifico per aiutare l'Ucraina a difendersi con un sostegno militare, economico e umanitario senza precedenti, e quel sostegno durerà".

Biden ha annunciato mezzo miliardo di dollari di assistenza aggiuntiva all'Ucraina durante la visita odierna a sorpresa in Ucraina. In osservazioni congiunte insieme al presidente ucraino Zelensky, ha affermato che il pacchetto includerà più equipaggiamento militare, comprese munizioni di artiglieria, più javelin e obici. Zelensky ha detto che lui e Biden hanno parlato di "armi a lungo raggio e delle armi che potrebbero ancora essere fornite all'Ucraina anche se prima non erano state fornite". Il nuovo pacchetto di aiuti militari dovrebbe essere annunciato ufficialmente martedì.

"Putin ha pianificato tutto in modo sbagliato"

Il presidente statunitense ha parlato poi della strategia di Putin: "'La guerra di conquista di Putin sta fallendo. L'esercito russo sta perdendo i territori occupati. I soldati russi stanno scappando dall'esercito e le persone dalla Russia stessa, perché non vedono futuro nel loro Paese. L'economia russa sta rallentando, è isolata nella sua lotta. Putin pensava che l'Ucraina fosse debole e l'Occidente fosse diviso. Ma noi siamo rimasti uniti, la Nato è rimasta unita e lui non è stato in grado di dividerci. Solo Dio sa cosa Putin sta pensando al momento, ma sicuramente ha sbagliato''.

"Ci aspetteranno tempi ancora difficili - ha aggiunto Biden - ma gli ucraini hanno ricordato al mondo che la libertà non ha prezzo. Gli ucraini, ha aggiunti, ci hanno insegnato che nessuno deve avere paura nel mondo. Zelensky e tutto il popolo ucraino hanno ricordato al mondo cosa significa avere coraggio''.

Markov: "Putin ha dato garanzie di sicurezza"

"Biden è volato a Kiev. Putin, attraverso canali segreti, su richiesta di Washington, ha dato garanzie di sicurezza per la visita di Biden a Kiev. Ma Zelensky ha dato l'ordine di attivare deliberatamente un falso allarme antiaereo". Lo ha scritto il politologo Sergei Markov sui social, considerato figura vicina a Putin. Impossibile avere conferme in tal senso.

Che stesse per succedere qualcosa di grosso era parso evidente pochi minuti dopo le 8 di stamane. Il centro di Kiev era "chiuso", secondo i canali ucraini di allerta via social. La motivazione non era stata ancora annunciata ufficialmente. "Importanti ospiti stranieri probabilmente sono venuti a Kiev per la commemorazione della Giornata degli eroi", si leggeva in alcuni messaggi circolati sul web. In un video veniva mostrato un corteo di auto che sfrecciava per le strade del centro della capitale.

Zelensky: "Ci prepariamo alla vittoria"

"Ci prepariamo a una guerra corta e a una nostra vittoria", dice oggi il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un’intervista a tutto campo con i media italiani, alla vigilia di un anno dall'invasione russa, iniziata il 24 febbraio scorso, e dell'arrivo domani della premier italiana a Kiev. "Con Giorgia Meloni ho avuto ottimi colloqui di recente a Bruxelles. Abbiamo ricevuto un pacchetto di sostegno, il che significa che la linea di sostegno del premier di Giorgia non è cambiata, anzi". Capitolo jet: Roma potrebbe fornire all'Ucraina 5 aerei da guerra tra Tornado e Amx, ma per ragioni di opportunità politica il governo si muoverebbe solo andando a ruota degli alleati, Gran Bretagna in testa.

L'Ucraina sta finendo le munizioni, ma l'Europa non riesce a produrle

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Joe Biden è a Kiev: "La democrazia resiste"

Today è in caricamento