Come sta il piccolo Julen precipitato in un pozzo quattro giorni fa

Julen ha due anni e da Domenica è intrappolato in un pozzo di ispezione largo 25 centimetri a Totalán, vicino Malaga. Cento metri sopra di lui è in atto la più grande operazione di soccorso che la Spagna ricordi (a 38 anni dal caso di Alfredino)

Manifestazione degli abitanti di Totalán per supportare i genitori di Julen. FOTO EPA/ALVARO CABRERA

I soccorsi al bimbo caduto in un pozzo si stanno complicando a causa dell'instabilità del terreno. Julen ha due anni e da Domenica è intrappolato in un piccolissimo pozzo a Totalán vicino a Málaga. Quasi centro metri sopra di lui decine di soccorritori sono impegnati in una impresa che appare disperata: da quattro giorni stanno cercando di raggiungerlo nello stretto cunicolo profondo 110 metri sfidando l'instabilià di un terreno che continua a franare.

Aggiornamento - Bimbo nel pozzo da 5 giorni: come sta il piccolo e perché i soccorritori credono nel miracolo

Sono due gli scavi in corso: come spiegano i soccorritori c'è un tunnel orizzontale e un pozzo verticale, entrambi servono per portare i minatori dove si pensa si trovi Julen. Si sta scavando manualmente a causa della natura del terreno: piccone e sudore per aprire un varco di circa un metro sostenuto da un tetto di legno per permettere ai vigili del fuoco di provare a raggiungere il bambino che, vale la pena ricordarlo, si trova nel buio e coperto di detriti da 4 giorni.

"Non abbiamo mai incontrato una situazione così estrema - spiegano i soccorritori al quotidiano elPais - ancora di più con un bambino di questa età".

La speranza di trovare Julen è l'ultima a morire, ma secondo i soccorritori ci vorranno ancora ore, forse giorni. 

"Il padre parla di un angelo custode. Spero che si prenderà cura di lui".

Bimbo nel pozzo, le ultime notizie

Un bimbo caduto in un pozzo, decine di soccorritori cercano di salvarlo: a separarli quasi centro metri di buio e detriti. Solo ieri è arrivata la prima certezza che Julen si trovasse sul fondo del pozzo scavato per cercare una falda acquifera e mai coperto o protetto.

malaga-2

Un cunicolo stretto appena 25 centimetri in cui i soccorritori hanno trovato vari capelli del piccolo Julen: la prima conferma.

"I test condotti dalla Guardia Civil confermano che appartengono al bambino", ha detto alla radio Cadena Ser Alfonso Rodriguez Gomez, rappresentante del governo nella regione dell'Andalusia.

Trovati capelli del bimbo caduto nel pozzo

La scoperta ha portato al padre e alla madre di Julen "un po' di luce" come spiega il padre Jose.

"Un angelo ci aiuti a riportarcelo vivo".

I pompieri hanno anche trovato un pacchetto di caramelle nel pozzo, ma le due telecamere calate nella fenditura non hanno rilevato alcuna immagine del bimbo. Secondo le ultime notizie Julen si trova a 80 metri di profondità, coperto da uno strato di terra.

Bimbo caduto nel pozzo, il padre: "L'ho sentito piangere"

Le squadre di soccorso stanno scavando due tunnel, uno parallelo al pozzo e un altro ad angolo, nelle speranza si sbucare dove si ritiene si trovi il bimbo. Le operazioni dovrebbero terminare entro giovedì, almeno se tutto andrà secondo i piani. 

Nel cunicolo i pompieri andalusi operano con un robot, due telecamere e un'apparecchiatura per far passare l'aria, il tutto diretto dalla superficie attraverso un monitor con precisione chirurgica. Attualmente sono dodici le squadre che si trovano ad operare nell'area, tra società di estrazione e tecnici, tutto sotto la supervisione di un gruppo di consulenti ed ingegneri. 

Bimbo di due anni cade in un pozzo: corsa contro il tempo

Il caso del bimbo precipitato nel pozzo a Malaga ricorda l'incidente di Vermicino: era il 1981 quando Alfredo "Alfredino" Rampi perse la vita cadendo in un pozzo artesiano vicino a Frascati. I tentativi per salvarlo durarono quasi tre giorni ma i soccorritori non riuscirono a raggiungerlo in tempo nella sua "prigione" a 60 metri nel sottosuolo. Il grande risalto mediatico della vicenda mise in luce l'approssimazione dei soccorsi e l'esigenza di una nuova struttura organizzativa per poter gestire le situazioni di emergenza portando alla nascita dell'attuale Protezione Civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • In arrivo 55mila lettere dall'Agenzia delle Entrate

  • Medico muore durante il turno di notte: aveva 28 anni

  • Bonus tv e decoder, ora è ufficiale: chi deve cambiare il televisore

  • Jacqueline, figlia di Heather Parisi: "Perché non chiedete dove sono le altre due figlie?"

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 16 novembre 2019

Torna su
Today è in caricamento