Venerdì, 24 Settembre 2021
Mondo Spagna

Trovati capelli del bimbo caduto nel pozzo, il padre: "L'ho sentito piangere"

Tre giorni col fiato sospeso per il piccolo Julen, il bimbo di due anni precipitato in un pozzo di ispezione largo 25 centimetri e profondo 110 metri a Totalán, vicino Malaga. I genitori: "Un angelo ci aiuti a riportarcelo vivo". Le ultime notizie

Aggiornamento 17 gennaio 2019>> Come sta il piccolo Julen precipitato in un pozzo 4 giorni fa

Un bimbo caduto in un pozzo, decine di soccorritori cercano di salvarlo: a separarli quasi centro metri di buio e detriti. Non solo la Spagna, da tre giorni tutti trattengono il fiato per Julen, il bimbo di due anni precipitato in un pozzo di ispezione largo 25 centimetri e profondo 110 metri mentre stava trascorrendo una giornata in campagna con la sua famiglia a Totalán, vicino Malaga.

Bimbo nel pozzo, le ultime notizie

I soccoritori hanno trovato vari capelli del piccolo Julen nel cunicolo: si tratta della prima conferma che il bambino si trova effettivamente sul fondo del pozzo scavato  - secondo i media locali - a Dicembre per indagini sulla presenza di una falda acquifera e mai coperto o protetto.

"I test condotti dalla Guardia Civil confermano che appartengono al bambino" ha detto alla radio Cadena Ser Alfonso Rodriguez Gomez, rappresentante del governo nella regione dell'Andalusia.

La scoperta ha portato al padre e alla madre di Julen "un po' di luce" come spiega il padre Jose.

"Un angelo ci aiuti a riportarcelo vivo".

I pompieri hanno anche trovato un pacchetto di caramelle nel pozzo, ma le due telecamere calate nella fenditura non hanno rilevato alcuna immagine del bimbo. Secondo le ultime notizie Julen si trova a 80 metri di profondità, coperto da uno strato di terra.

Il padre di Julen: "Ho sentito mio figlio piangere"

Le squadre di soccorso stanno scavando due tunnel, uno parallelo al pozzo e un altro ad angolo, nelle speranza si sbucare dove si ritiene si trovi il bimbo. Le operazioni dovrebbero terminare entro giovedì, almeno se tutto andrà secondo i piani. 

Nel cunicolo i pompieri andalusi operano con un robot, due telecamere e un'apparecchiatura per far passare l'aria, il tutto diretto dalla superficie attraverso un monitor con precisione chirurgica. Attualmente sono dodici le squadre che si trovano ad operare nell'area, tra società di estrazione e tecnici, tutto sotto la supervisione di un gruppo di consulenti ed ingegneri. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovati capelli del bimbo caduto nel pozzo, il padre: "L'ho sentito piangere"

Today è in caricamento