rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
ALGERIA / Algeria

Blitz finale delle forze algerine nell'impianto Bp: morti 7 ostaggi

Si è conclusa con un drammatico blitz la crisi degli ostaggi in Algeria. Le sette persone nelle mani dei terroristi sono state uccise

L'operazione di liberazione degli ostaggi sarebbe terminata. Lo afferma il sito del quotidiano El Watan, sottolineando che sette ostaggi sarebbero stati uccisi, mentre le forze speciali hanno eliminato 11 terroristi.

Una fonte della sicurezza algerina, citata dall'Afp, ha confermato la morte di sette ostaggi stranieri e di 11 rapitori nell'assalto finale lanciato dalle forze speciali algerine all'interno dell'impianto di gas di In Amenas, nell'Algeria orientale.

"L'assalto è stato lanciato a metà mattinata. Undici terroristi sono stati uccisi e i sette ostaggi stranieri sono morti.
Pensiamo che sono stati assassinati per rappresaglia", ha dichiarato la fonte all'Afp.
Secondo la tv pubblica algerina i sette ostaggi stranieri sono stati "giustiziati sommariamente".

Complessivamente, tra gli ostaggi stranieri e algerini, sono 25-27 i rapiti morti, ha aggiunto la fonte, da mercoledì, cioè da quando è cominciato l'attacco all'impianto per l'estrazione del gas vicino a In Amenas, nel Sahara algerino, da parte degli uomini di Mokhtar Belmokhtar "Il Guercio, uno dei fondatori di Aqmi, Al Qaida nel Maghreb islamico, organizzazione di cui non faceva più parte da ottobre.

Tra la fuga degli ostaggi e l'operazione compiuta dall'esercito algerino, circa 600 ostaggi, quasi tutti algerini, sono stati liberati. Secondo le autorità, gli ostaggi stranieri erano 132.
Il bilancio totale delle vittime occidentali è ancora difficile da stabilire, perchè le autorità non sono in grado di dire se alcuni di loro erano ancora nascosti quando è stato lanciato l'assalto finale.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz finale delle forze algerine nell'impianto Bp: morti 7 ostaggi

Today è in caricamento