rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Camerun / Camerun

Boko Haram all'attacco in Camerun: "Rapita la moglie del vicepremier"

Il comandante militare della regione conferma tutto: "La situazione al momento è molto critica"

Boko Haram semina il terrore anche ben al di là dei confini nazionali della Nigeria.

Miliziani della setta fondamentalista islamica hanno attaccato alcune ore fa la città di Kolofata, nell'estremo nord del Camerun e vicina al confine con la Nigeria, sequestrando diverse persone, tra cui la moglie del vicepremier Amadou Ali.

Il comandante militare della regione conferma tutto: "La situazione al momento è molto critica - dice il colonnello Felix Nji Formekong -. Mentre vi parlo alcuni elementi di Boko Haram sono ancora a Kolofata e combattono contro i nostri soldati. Ma altri sono già fuggiti portandosi via la moglie del vicepremier e la sua servitù. Le sue guardie del corpo sono invece riuscite ad allontanare dalla città Amadou Ali portandolo a Mora".

Preso di sorpreso il governo del Camerun. Alcune ore dopo il fatto un portavoce ha spiegato che nell'attacco alla residenza del vicepremier sono rimaste uccise tre persone. "Posso confermare che la casa del vicepremier Amadou Ali a Kolofata è stata duramente attaccata da militanti di Boko Haram - le parole del portavoce Tchiroma al telefono con la Reuters - Purtroppo hanno rapito sua moglie e hanno sequestrato anche il 'lamido' (il leader religioso), anche lui è stato rapito".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boko Haram all'attacco in Camerun: "Rapita la moglie del vicepremier"

Today è in caricamento