rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Kiev batte Mosca

Borscht: la tradizionale zuppa ucraina diventa patrimonio dell'Unesco

Il piatto era popolare in tutto il mondo sovietico e anche la Russia lo considera parte della sua cucina. Ora è arrivato il riconoscimento dell'agenzia Onu (anche a causa della guerra in corso)

Il borscht, la tradizionale zuppa ucraina a base di cavolo, rape rosse e panna acida, è entrata oggi a far parte della lista del patrimonio dell'Unesco, fra i beni materiali che hanno bisogno di urgente salvaguardia. È stata l'Ucraina a chiedere una procedura d'urgenza, a causa della guerra in corso. E l'Unesco l'ha accettata, dato che l'invasione russa mette in pericolo il borscht, perchè "la gente non solo non può cucinarlo e coltivare le verdure locali necessarie, ma neanche riunirsi per consumarlo, cosa che mina il benessere sociale e culturale della comunità".

Quella del borscht è una battaglia culturale con Mosca, perché questo piatto era popolare in tutto il mondo sovietico e anche la Russia lo considera parte della sua cucina. Ma l'Ucraina indipendente ne rivendica la paternità e, malgrado l'opposizione di Mosca, aveva candidato nel 2019 la propria ricetta, con le sue diverse versioni, a far parte del patrimonio immateriale dell'Unesco.

La vittoria sul borscht è stata salutata oggi su Telegram dal ministro ucraino della Cultura Oleksandr Tkachenko. Non ci importa, ha detto, che la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zacharova definisca "il nostro bortsch una 'manifestazione di estremismo e nazismo', questa 'manifestazione di estremismo' è ora ufficialmente ucraina e protetta dall'Unesco".

Ad aprile Zakharova aveva infatti spiegato che "in Ucraina i libri di cucina erano vietati" perché "non volevano condividere la ricetta del borscht... Doveva appartenere a un popolo, a una nazionalità. Non potevano sopportare il pensiero che... ogni casalinga del mondo fosse in grado di cucinarla a modo suo. Di questo stiamo parlando. La xenofobia, il fascismo, l'estremismo". 

A pochi mesi di distanza arriva la replica di Kiev per bocca di Tkachenko: "Saremo felici di condividere il borscht e le sue ricette con tutti i paesi civilizzati. E anche con quelli non civilizzati - ha detto -, così avranno almeno qualcosa di gustoso e buono, e di ucraino. Siatene certi, vinceremo questa guerra come abbiamo vinto quella del borscht".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borscht: la tradizionale zuppa ucraina diventa patrimonio dell'Unesco

Today è in caricamento