Martedì, 16 Luglio 2024
BRASILE

Brasile: decapitato giornalista, indagava su narcos e pedofili

Aveva denunciato il traffico di droga e la prostituzione minorile: per questo , Evany Josè Metzker, 67 anni, è stato ucciso. Il cadavere senza testa è stato ritrovato dalla polizia di Padra Paraiso, in Brasile

Si chiamava Evany Josè Metzker, aveva 67 anni ed era un blogger che con le sue inchieste aveva denunciato il traffico di droga e la prostituzione minorile. La polizia di Padre Paraiso, una zona rurale dello Stato di Mina Gerais in Brasile, ha trovato il suo cadavere decapitato. L'ipotesi è quella della vendetta: solo così gli investigatori riescono a spiegare la violenta morte del giornalista. 

Rio de Janeiro, il blitz a "cracolandia" (Foto O Globo)

Proprio per portare avanti il suo lavoro d'inchiesta Metzker si era trasferito da circa tre mesi nella zona nota come Valle di Jequitinhonha e considerata una delle più povere del Brasile. Da cinque giorni nessuno aveva più sue notizie: il suo corpo seminudo, in avanzato stato di decomposizione, presentava segni di percosse e le mani legate.

Rio de Janeiro, è guerra nelle favelas (Foto O Globo)

Il cronista si era fatto conoscere per il blog ‘Coruja do Vale‘, in cui condannava i casi di corruzione nell’amministrazione pubblica, criticando in particolare l’azione di narcos e pedofili. Adesso il sindacato dei giornalisti ha avviato un'inchiesta definendo l'episodio "un attentato contro la libertà e il diritto d’informazione”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brasile: decapitato giornalista, indagava su narcos e pedofili
Today è in caricamento