rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
BRASILE / Brasile

Siccità record in Brasile: si fa strada l'ipotesi di razionare l'elettricità

Se la siccità dovesse continuare sarebbe quasi impossibile nel 2013 per il Brasile dare una spinta a un'economia già stagnante. Molte grandi città hanno già sperimentato lunghi black-out alla fine dell'anno scorso

Il Brasile deve affrontare per la prima volta dal 2001 la possibilità di razionare l'energia. Il caldo e la siccità estiva hanno prosciugato le dighe degli impianti idroelettrici del'acqua necessaria al loro funzionamento. Il consumo è cresciuto nelle ultime settimane a causa del caldo che ha aumentato l'uso di aria condizionata.

Anche se il paese evitasse ora il razionamento, gli esperti dicono che in inverno potrebbe essere necessario incrementare l'utilizzo di energia termoelettrica, una soluzione più costosa che potrebbe minare alla base i propositi della presidente Dilma Rousseff di abbassare le bollette dell'elettricità.

Alla fine di dicembre, Rousseff ha respinto l'idea di razionamento definendola "ridicola". Il ministro dell'Energia Edison Lobao ha detto che il costo aggiuntivo di gasolio per le centrali porterebbe a un aumento dell'1 per cento per le bollette elettriche dei consumatori. "Non c'è alcuna ipotesi di razionamento" ha detto Lobao in un'intervista alla rete televisiva Globo.

Se la siccità dovesse continuare sarebbe quasi impossibile nel 2013 per il Brasile dare una spinta a un'economia già stagnante. Molte grandi città hanno già sperimentato lunghi black-out alla fine dell'anno scorso. Un razionamento tra l'altro potrebbe causare disagi particolari a tutto il settore metallurgico.

Le difficoltà sono però reali. Il quotidiano Folha de S.Paulo ha riferito che il presidente ha convocato una riunione di emergenza dei funzionari del settore energetico per discutere la situazione. L'energia idroelettrica rappresenta il 67 per cento delle sue forniture di energia elettrica ed è molto invidiata da altri paesi che dipendono dalle fonti molto più costose e meno "verdi". Ma i livelli di acqua bassa e il clima secco stanno dimostrando la vulnerabilità della dipendenza brasiliana dalla rete idroelettrica.

A causa di vincoli ambientali, in Brasile le dighe idroelettriche più recenti hanno riserve d'acqua più piccole e sono quindi più vulnerabili ai cambiamenti climatici e alla siccità. L'estate dell'emisfero meridionale è di solito stagione più piovosa del Brasile, ma non quest'anno. Nel nord-est, la zona più povera del paese, la mancanza di pioggia ha danneggiato le colture di mais e il cotone e spazzato via un terzo della produzione di zucchero di canna. Intere mandrie vengono lasciate morire nei campi inariditi.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siccità record in Brasile: si fa strada l'ipotesi di razionare l'elettricità

Today è in caricamento