rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
SENTENZA DI OSLO / Norvegia

Breivik è "sano di mente": l'attentatore di Utoya condannato a 21 anni di carcere

Arriva la sentenza per l'attentatore di Oslo e Utoya: non riconosciuta l'infermità mentale. Il killer ha accolto con il sorriso la lettura del verdetto

Anders Behring Breivik è stato condannato a 21 anni di carcere per le stragi, costate la vita a 77 persone, compiute il 22 luglio scorso a Oslo e nell'isola di Utoya.

La decisione è arrivata questa mattina, quando il tribunale di Oslo ha riconosciuto l'attentatore "sano di mente", e pertanto condannabile a una pena detentiva di 21 anni (la pena massima prevista dalla legge norvegese).

Come auspicato dallo stesso Breivik, i giudici non gli hanno riconosciuto l'infermità mentale, giudicandolo pertanto sano di mente. Il verdetto accoglie le richieste avanzate dallo stesso estremista durante il processo durato 10 settimane: Breivik aveva infatti anticipato che avrebbe fatto ricorso in appello solo nel caso gli fosse stata riconosciuta l'infermità mentale che poteva comportare l'internamento a vita in un istituto psichiatrico.

Breivik aveva dichiarato che per lui l'ospedale psichiatrico sarebbe una condanna "peggiore della morte". La pena inflitta all'estremista di destra potrebbe tuttavia essere prolungata, qualora Breivik venisse considerato ancora pericoloso.

SORRISO E PUGNO CHIUSO - Il killer xenofobo si è presentato in aula con il pungo destro alzato, in abito nero, con camicia bianca e cravatta grigia. Alla lettura della sentenza, ha sorriso.

IL CARCERE - Breivik dovrà scontare la pena detentiva nel carcere di Ila, alla periferia di Oslo, dove tuttavia ha già trascorso diversi mesi. Sarà ospitato nelle strutture comuni e potrà usufruire, al pari degli altri detenuti, degli eccellenti servizi del carcere (corsi di studio, biblioteca, palestra).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Breivik è "sano di mente": l'attentatore di Utoya condannato a 21 anni di carcere

Today è in caricamento