Venerdì, 24 Settembre 2021
Mondo

Brexit, clamorosa mossa del Governo Johnson: Parlamento sospeso e c'è chi grida al golpe

Attività del Parlamento sospesa fino alla Brexit. Come ha ricordato la parlamentare laburista Margaret Beckett, "governare senza Parlamento non è senza precedenti, ma l'ultima volta ha portato a una guerra civile"

La Regina Elisabetta II ha approvato la sospensione del parlamento inglese fino al 14 ottobre 2019: una decisione che arriva dopo la clamorosa richiesta del primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson.

Normalmente la 'prorogation' scatta normalmente in autunno mentre l'anomalia, in questo caso, è rappresentata dal break di circa un mese ma trova giustificazione dalla durata dell'attuale sessione parlamentare cominciata a giugno 2017, la più lunga in quasi 400 anni.

In questo caso, la vicenda va inquadrata nel 'contesto Brexit': il partito laburista accusa Johnson di voler neutralizzare il Parlamento in modo da impedire un dibattito sulla Brexit e favorire l'uscita del Regno Unito dall'Ue senza alcuna intesa tra Londra e Bruxelles. 

Johnson ha negato che la sua decisione miri a indirizzare la Brexit verso l'epilogo 'no-deal'. L'iter prospettato, secondo il primo ministro, garantirebbe al Parlamento "tempo sufficiente" entro il termine del 31 ottobre. Ma dati i tempi stretti sarà molto difficile per il leader del partito laburista britannico, Jeremy Corbyn, chiedere un voto di sfiducia contro il nuovo primo ministro del Regno Unito.

Intanto una petizione, pubblicata sul sito web del parlamento britannico, chiede che non vengano sospesi i lavori di Westminster, ha raggiunto 258.000 firme. In generale quando una petizione raggiunge i 10.000 sostenitori il Governo deve dare una risposta, mentre dopo le 100.000 firme la richiesta deve essere presa in considerazione per un dibattito. 

Nel '600 la Guerra civile inglese

Quella di Johnson è una mossa di rara gravità costituzionale e potrebbe aprire una crisi senza precedenti nella storia recente britannica: qualcosa del genere accadde quando Carlo I imbavagliò il Parlamento, scatenando la Guerra civile inglese (1642-1651) e alla fine della battaglia il re venne decapitato dopo la vittoria dei Parlamentari stessi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brexit, clamorosa mossa del Governo Johnson: Parlamento sospeso e c'è chi grida al golpe

Today è in caricamento