rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
L'incontro / Ucraina

Il viaggio segreto del capo della Cia da Zelensky

Scoop del Washington Post: William J. Burns si è recato in segreto a Kiev alla fine della scorsa settimana per comunicare le previsioni Usa sui piani militari russi per le prossime settimane e mesi

Il direttore della Cia, William J. Burns si è recato in segreto nella capitale ucraina alla fine della scorsa settimana per comunicare al presidente Volodymyr Zelensky le proprie previsioni riguardo al conflitto e ai piani militari russi per le prossime settimane e mesi. A darne notizia è stato un funzionario statunitense e altre fonti a conoscenza dei contenuti della visita, citati dal Washington Post. La cosa più importante per Zelensky e gli alti funzionari dell'intelligence ucraina che hanno preso parte all'incontro era capire per quanto tempo l'Ucraina potesse aspettarsi un continuo aiuto degli Stati Uniti, dove i Repubblicani hanno ripreso il controllo della Camera dei Rappresentanti e a fronte di un calo di consensi sugli aiuti all'Ucraina in alcuni settori dell'elettorato, informa il quotidiano, citando le fonti consultate.

Il direttore Burns si è recato a Kiev dove ha incontrato i colleghi dell'intelligence ucraina e il presidente Zelensky e ha ribadito il nostro continuo sostegno all'Ucraina nella sua difesa contro l'aggressione russa", ha dichiarato un funzionario statunitense. Burns è una figura rispettata nella cerchia di Zelensky anche in virtù dell'avvertimento lanciato nel gennaio scorso, quando annunciò che le forze russe avrebbero cercato di catturare l'aeroporto Antonov, a nordovest della capitale ucraina, nelle fasi iniziali dell'invasione. Il suo messaggio, consegnato di persona, era basato su una valutazione dell'intelligence statunitense e si ritiene che abbia aiutato l'Ucraina a prepararsi a difendere l'aeroporto, privando così la Russia di un punto d'appoggio necessario per la cattura di Kiev.

Lo scetticismo di Burns riguardi alla disponibilità della Russia a negoziare lo ha fatto inoltre particolarmente apprezzare dagli assistenti di Zelensky, irritati dai suggerimenti sulla necessità per Kiev di prendere in considerazione i colloqui con i russi per porre fine al conflitto. "La maggior parte dei conflitti finisce con i negoziati, ma ciò richiede una serietà da parte dei russi che in questo caso non credo si veda", ha dichiarato Burns il mese scorso. "Almeno, non valutiamo i russi seri a questo punto riguardo ad un vero negoziato". Un portavoce della Cia si è rifiutato di specificare ciò che Burns ha riferito a Zelensky sulla pianificazione militare russa.

"Dalla gestione delle crisi alla difesa collettiva": la Nato torna alla strategia della guerra fredda

Il vertice di Ramstein

Oggi è il giorno di guerra numero 331 in Ucraina: quasi 11 mesi dall'inizio dell'invasione russa. Ci sarà un vertice tra oltre 40 Paesi a Ramstein in Germania per gli aiuti militari a Kiev.  Nella base statunitense sul suolo tedesco si riuniscono i ministri degli Esteri di una quarantina di paesi che sostengono l'Ucraina nella guerra contro la Russia. "Ci aspettiamo decisioni importanti", dice il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che attende una svolta e un nuovo salto di qualità nella fornitura di aiuti militari. Tutti guardano in particolare alla Germania, che non ha ancora rotto gli indugi sulla consegna dei tank Leopard all’Ucraina.

La Germania è "al fianco" dei suoi alleati nel sostenere l'Ucraina, ha detto il neoministro della Difesa tedesco, Boris Pistorius, alla vigilia del vertice. "Insieme ai nostri partner, continueremo a sostenere l'Ucraina nella sua lotta per la libertà, l'indipendenza territoriale e la sovranità". Berlino darà l’ok alla fornitura di Leopard? "Dobbiamo aspettare e vedere come procede la situazione: stiamo dialogando, soprattutto con i nostri partner transatlantici, gli Stati Uniti. Proprio come abbiamo fatto in tutte le altre occasioni: l'obiettivo è non andare avanti da soli”. “Dateci i tank, qui la gente muore”, la risposta perentoria di Zelensky in un’intervista alla tv tedesca. Il pressing su Berlino continua, mentre Kiev può incassare un primo risultato rilevante.

In una dichiarazione congiunta, diffusa dal ministero della Difesa britannico, il Patto di Tallinn (il gruppo che riunisce Estonia, Regno Unito, Polonia, Lettonia, Lituania, Danimarca, Repubblica Ceca, Paesi Bassi e Slovacchia) si impegna "a perseguire collettivamente la consegna di una serie senza precedenti di donazioni tra cui carri armati, artiglieria pesante, difesa aerea, munizioni e veicoli da combattimento di fanteria alla difesa dell'Ucraina". Nell'incontro di Ramstein, "esorteremo altri alleati e partner a seguire l'esempio e a contribuire quanto prima con i propri pacchetti di sostegno pianificati per garantire una vittoria ucraina sul campo di battaglia in 2023", si legge nella nota congiunta. "Continueremo a sostenere l'Ucraina nel passaggio dalla resistenza all'espulsione delle forze russe dal suolo ucraino", assicurano.

"Dalla gestione delle crisi alla difesa collettiva": la Nato torna alla strategia della guerra fredda

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il viaggio segreto del capo della Cia da Zelensky

Today è in caricamento