rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Regno Unito / Regno Unito

Anche i cani poliziotto hanno diritto alla pensione

Ma in tanti non sono d'accordo con la storica introduzione dei diritti previdenziali per gli animali, in un momento nel quale le forze di polizia si trovano ad affrontare forti tagli

Hanno fatto parte per anni della polizia. Hanno arrestato centinaia di malviventi, intercettato chili e chili di droga, sorvegliato sul pacifico svolgimento di manifestazioni. Secondo voi dovrebbero prendere la pensione, una volta sopraggiunti i limiti d'età? Se si trattasse di esseri umani immaginiamo che nessuno possa avanzare obiezioni, ma cosa succederebbe se parlassimo dei cani poliziotto?

In Inghilterra la questione si è posta sul serio, e sta scatenando aspre polemiche. Infatti la polizia del Nottinghamshire introdurrà, a partire dal prossimo mese, una pensione per coprire le spese mediche degli animali non più in servizio, un contributo che può arrivare fino a circa 1.700 euro per i primi tre anni.

"Ci prendiamo cura delle persone che sono state agenti di polizia ed è importante fare lo stesso anche per i nostri cani", ha detto Paddy Tipping, comandante della Nottinghamshire Police, aggiungendo: "Questi animali hanno lavorato sodo e sono poliziotti coi loro diritti".

Ma in tanti non sono d'accordo con la storica introduzione dei diritti previdenziali per gli animali, in un momento nel quale le forze di polizia inglesi si trovano ad affrontare forti tagli. Jonathan Isaby, il direttore della Taxpayers’ Alliance (gruppo di pressione che riunisce decine di migliaia di contribuenti britannici), ha commentato sarcastico: "Adesso la maggior parte dei contribuenti del Nottinghamshire si aspetta di vedere i suoi poliziotti e commissari messi a cuccia".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche i cani poliziotto hanno diritto alla pensione

Today è in caricamento