Mercoledì, 22 Settembre 2021
Mondo Spagna

Alta tensione Catalogna-Madrid: le reazioni della politica italiana

Boccia (Pd): "A Rajoy sta sfuggendo la mano, la Ue dia un cenno". Civati (Possibile): "Aprire canali di confronto e di discussione con le autorità catalane". Calderoli (Lega): "Imbarazzante il silenzio del nostro governo"

Proteste a Barcellona dopo gli arresti di ieri (Ansa)

Alta tensione in Catalogna, e le reazioni non mancano nella politica italiana dopo che migliaia di persone sono scese in piazza a Barcellona per protestare contro l'arresto di 14 funzionari del governo catalano.

Boccia (Pd): "Rajoy imbarazzante"

"Preoccupanti le notizie dalla Catalogna. A Rajoy sta sfuggendo la mano, la Ue dia un cenno. Libertà e democrazia non hanno colore politico". Lo scrive su Twitter Francesco Boccia, presidente della commissione bilancio della Camera. "Destano molte preoccupazioni - aggiunge - le notizie che arrivano da Barcellona. È sorprendente questa improvvisa regressione nelle relazioni tra il governo nazionale di Rajoy e la Catalogna. Non possono essere in alcun modo tollerabili, per un Paese democratico come la Spagna, le scene che arrivano a noi in queste ore. L'Europa ha il dovere di vigilare e di prendere una posizione chiara a difesa dei valori e dei principi che non hanno mai colore politico, come la libertà e la democrazia".

Civati (Possibile): "Grande preoccupazione"

"Apprendiamo con sgomento delle notizie che provengono dalla Catalogna. Chiediamo si faccia di tutto perché la situazione non degeneri e invitiamo il governo spagnolo a aprire canali di confronto e di discussione con le autorità catalane. Non si ferma la democrazia con gli arresti e con le perquisizioni". Lo affermano il capogruppo dei deputati di Sinistra Italiana-Possibile Giulio Marcon e Pippo Civati.

Calderoli (Lega): "L'Italia prenda posizione"

"L'Italia resta a guardare mentre la Spagna reprime a suon di arresti una legittima, pacifica e democratica richiesta del popolo e del Governo, regolarmente eletto dai cittadini, della Catalogna di poter svolgere un referendum?". Lo afferma in una nota il senatore Roberto Calderoli, vice presidente del Senato e responsabile Organizzazione e territorio della Lega Nord. "E' imbarazzante - aggiunge - il silenzio del nostro Governo, come al solito incapace di prendere una qualunque posizione. Cosa aspettiamo a ritirare il nostro ambasciatore a Madrid fino a quando la Spagna non tornerà a garantire la democrazia?".

Fratoianni (Si): "Spagna autoritaria"

"Il blitz e gli arresti operati dalla guardia civil spagnola in in queste ore a Barcellona rappresentano una inaccettabile e gravissima risposta repressiva nei confronti delle istituzioni e della popolazione della Catalogna". Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni. "Invece di aumentare gli spazi del confronto democratico - conclude il segretario di SI - il governo Rajoy dimostra il proprio volto autoritario e repressivo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alta tensione Catalogna-Madrid: le reazioni della politica italiana

Today è in caricamento