rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
si alza la tensione

La Cina prova ad accerchiare Taiwan con maxi esercitazioni militari

Il presidente cinese ha mal digerito l'incontro tra la presidente taiwanese Tsai Ing-wen e lo speaker della Camera Usa Kevin McCarthy a Los Angeles, la figura di più alto rango ad aver incontrato un leader taiwanese sul suolo americano da decenni

Xi Jinping non aspettava altro che la partenza di Emmanuel Macron per lanciare una esercitazione militare nello Stretto di Taiwan. Il presidente cinese ha mal digerito l'incontro tra la presidente taiwanese Tsai Ing-wen e lo speaker della Camera Usa Kevin McCarthy a Los Angeles, la figura di più alto rango ad aver incontrato un leader taiwanese sul suolo americano da decenni. Incontro fortemente condannato dalla Cina. 

La noia di Xi, gli affari di Macron: la Cina allontana l'Ue dagli Usa

Il capo dell'Unione europea Ursula von der Leyen, anche lei in Cina questa settimana per incontrare Xi, ha affermato che la stabilità nello Stretto di Taiwan è di fondamentale importanza. La replica di Xi alle obiezioni di von der Leyen è stata perentoria e riassume l'intransigenza di Pechino, che ha lanciato un monito secondo cui aspettarsi che la Cina scenda a compromessi su Taiwan è "un pio desiderio".

Al via le esercitazioni militari

Le esercitazioni, che prendono il via oggi e si concluderanno il 10 aprile, erano fortemente attese. A meno di 24 ore dal ritorno sull'isola di Tsai, il Comando Orientale dell'Esercito Popolare di Liberazione cinese ha annunciato le esercitazioni di "pattugliamenti di prontezza al combattimento", con una manovra nello Stretto di Taiwan, a nord e a sud, e nelle acque a est, in una simulazione di accerchiamento dell'isola che Pechino intende annettere alla Repubblica Popolare Cinese. Settantuno aerei e nove navi militari cinesi hanno attraversato la linea mediana dello Stretto di Taiwan, che la Cina dichiara di non riconoscere.

Il "blocco navale" cinese a Taiwan dopo il viaggio di Tsai negli Usa

L'esercitazione di oggi, spiega il Comando Orientale dell'Epl, "si concentra sul testare la capacità di prendere il controllo del mare, il controllo aereo e delle informazioni con il supporto del sistema di combattimento congiunto" e "la task force organizza simultaneamente pattuglie intorno all'isola per creare una situazione di deterrenza a tutto tondo intorno all'isola". Insomma, le manovre militari iniziate oggi dalla Cina stanno provando un "accerchiamento" totale di Taiwan, con "pattugliamenti e avanzamenti intorno all'isola, dando forma a posizioni di accerchiamento e deterrenza a tutto tondo".

Un video, pubblicato sui media nazionali, mostra alcune risorse coinvolte tra lanciarazzi e cacciatorpedinieri della Marina, nonché jet e bombardieri dell'Aeronautica. Enfasi speciale per i sistemi missilistici delle forze di terra, in grado di raggiungere l'isola dalle coste cinesi: in passato erano in dotazione solo alla "Rocket force".

Le esercitazioni sono "un serio monito contro le forze separatiste di Taiwan, colluse con forze esterne", ha dichiarato il portavoce del Comando Orientale, il colonnello Shi Yi, e sono "un'azione necessaria per salvaguardare la sovranità nazionale e l'integrità territoriale" della Cina.

Dal blocco all'attacco anfibio: qual è il piano della Cina su Taiwan

Il ministero della Difesa Nazionale di Taiwan ha condannato le manovre di Pechino, parlando di "atto irrazionale che ha messo a repentaglio la sicurezza e la stabilità regionali", aggiungendo che Taiwan ha monitorato la situazione e schierato il proprio sistema missilistico. 

La risposta di Taipei

Le esercitazioni avviate oggi sono le secondo di questo tipo, dopo quelle di agosto scorso, quando Pechino lanciò sette giorni di manovre militari attorno all'isola, in rappresaglia per l'incontro tra Tsai e l'allora speaker della Camera Usa, Nancy Pelosi, che si era recata in visita a Taipei. 

Ma Pechino aveva mostrato segnali di irritazione cinese già all'indomani dell'incontro tra McCarthy e Tsai. Il ministro della Difesa di Taiwan aveva segnalato la presenza di una flotta di navi da guerra cinesi, tra cui la portaerei Shandong, nelle acque del Pacifico occidentale, solo poche ore prima del previsto incontro. La portaerei probabilmente potrebbe essere coinvolta nelle esercitazioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Cina prova ad accerchiare Taiwan con maxi esercitazioni militari

Today è in caricamento