Mercoledì, 3 Marzo 2021
Cina

In Cina torna la paura: Pechino chiude le scuole fino a marzo

Test di massa in Cina dopo un focolaio di Covid a Shijiazhuang. 40mila persone sono state trasferite nei centri di quarantena mentre si assiste ad un cambio di clima dopo l'apparente tranquillità che permeava il paese proprio nei giorni dell'anniversario del primo lockdown di Wuhan

Chiudono in anticipo di due settimane le scuole in Cina nell'ambito delle misure per contrastare la nuova ondata di Covid-19. La decisione in vista della festività del Capodanno lunare che iniziano il 12 febbraio. Pertanto da lunedì 25 gennaio si chiuderanno le scuole e gli asili: la riapertura è prevista dal primo marzo, ma la decisione finale sarà adottata dalle autorità in base all'andamento dell'epidemia. L'insegnamento sarà effettuato online. 

Il ritorno della pandemia anche in Cina

È cambiata quindi l'atmosfera rilassata che si respirava durante le scorse settimane mentre il resto del mondo viveva le festività in lockdown. L'immagine del cambio di paradigma arriva da Shijiazhuang, non lontano da Pechino, dove si sta costruendo un enorme campo di quarantena che può ospitare più di 4.000 persone. Nella provincia di Hebei che circonda la capitale, sono stati avviati programmi di test di massa deportando interi villaggi in strutture di quarantena - 458 centri individuati -  nel tentativo di frenare la diffusione del virus.

20 casi di Covid, 40mila in quarantena

Il 19 gennaio, 36 infezioni trasmesse a livello locale erano state segnalate a Tonghua, nella provincia nord-orientale di Jilin, 13 erano state registrate a Shijiazhuang, nella provincia settentrionale di Hebei, e altre 6 nel distretto di Daxing a Pechino. A Shijiazhuang sono stati inviati 3.470 operatori sanitari provenienti da tutta la Cina. Le autorità di Tonghua hanno sospeso i servizi ferroviari, i voli, le corse degli autobus a lunga percorrenza e dei taxi, mentre alle auto private è stato vietato l'ingresso o l'uscita dalla città. Ieri, il distretto di Daxing a Pechino ha emesso una nota che vieta a tutte le persone del distretto di lasciare la capitale.

Meng Xianghong, vice sindaco di Shijiazhuang, ha affermato che tutti gli individui in quarantena vengono sottoposti a tampone molecolare ogni due giorni. Alle 12 di oggi, sono 34.029 le persone in quarantena nei centri. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Cina torna la paura: Pechino chiude le scuole fino a marzo

Today è in caricamento