rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Polvere sospetta / Stati Uniti d'America

Il giallo della cocaina alla Casa Bianca

I servizi segreti statunitensi stanno indagando sulla sostanza rinvenuta domenica scorsa nella biblioteca della residenza presidenziale: verranno analizzate anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza

La polvere bianca rinvenuta domenica scorsa nella biblioteca della Casa Bianca è risultata essere cocaina. Si tratta soltanto di esami preliminari, ma i media statunitensi confermano e si chiedono: chi ha portato la sostanza nella residenza presidenziale? Una domanda a cui le autorità cercheranno di rispondere: come riporta il Washington Post, i servizi segreti hanno avviato una indagine interna per scoprire anche in che modo e quando la cocaina sia riuscita ad entrare nella Casa Bianca, superando i rigidi controlli a cui vengono sottoposti tutti quelli che entrano ed escono dalla residenza del presidente degli Stati Uniti. Anthony Guglielmi, portavoce dell'agenzia che si occupa di indagare sul caso, ha spiegato che la sostanza verrà sottoposta ad analisi più approfondite. I servizi di sicurezza stanno anche procedendo all'analisi delle riprese della videosorveglianza.

La cocaina alla Casa Bianca

Il rinvenimento della sostanza aveva portato all'evacuazione momentanea dell'edificio, Joe Biden in quel momento non si trovava nella Casa Bianca: "Domenica sera,- ha dichiarato Guglielmi - il complesso della Casa Bianca è stato chiuso precauzionalmente mentre gli ufficiali dei Servizi Segreti indagavano su un oggetto sconosciuto trovato all'interno di un'area di lavoro. Questo è stato inviato per un'ulteriore valutazione ed è in corso un'indagine sulla causa e sul modo in cui è entrato alla Casa Bianca". Le autorità non hanno rivelato alla stampa l'esatto luogo in cui è stata rinvenuta la sostanza, né altri dettagli come il confezionamento o la quantità: Guglielmi si è limitato a spiegare che la cocaina è stata trovata durante un controllo di routine. Nel frattempo Joe Biden ha fatto rientro a Washington Dc nella mattinata di ieri, martedì 4 luglio, Giorno dell'Indipendenza negli Stati Uniti.

Tutti i precedenti

Non sarebbe la prima volta che le droghe entrano alla Casa Bianca. Il rapper Snoop Dogg ha detto di aver fumato erba in un bagno nel 2013 e Willie Nelson ha confessato di aver fumato una canna sul tetto della Casa Bianca durante la presidenza di Jimmy Carter. L'attore britannico Erkan Mustafa aveva detto di aver fumato marijuana e aver tirato una striscia di cocaina visitando la Casa Bianca durante la campagna antidroga "Just Say No" della first lady Nancy Reagan. La cantante dei Jefferson Airplane, Grace Slick, ha dichiarato nel 2011 di aver tentato senza riuscirci di aggiungere Lsd al tè del presidente Richard Nixon nel 1970.

Continua a leggere su Today.it...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giallo della cocaina alla Casa Bianca

Today è in caricamento