Mercoledì, 12 Maggio 2021
Il ritorno alla normalità / Cina

A Wuhan il primo concerto con migliaia di persone senza mascherine e distanze

Erano 11mila ed erano assembrati come prima della pandemia. Continuano i passi avanti della Cina nel ritorno alla normalità: il Paese è ormai Covid free grazie ad una ferrea quarantena per gli ingressi e tracciamento

Le immagini della fine del lockdown in Cina (Foto Ansa)

Da epicentro della pandemia a simbolo della normalità ritrovata. È Wuhan, capoluogo della provincia di Hubei nella Cina Centrale, divenuta purtroppo famosa per essere stata simbolo della pandemia, la città dove è partita la diffusione del Coronavirus. Oggi quelle scene di disperazione sono lontane e anzi a Wuhan si festeggia. Dopo un anno di stop imposto dalla pandemia, gli organizzatori hanno dato il via libera al mega concerto di due giorni che riunisce cantanti e band nazionali affermati o meno che si sono esibiti su tre palchi allestiti all’interno del parco del Garden Expo della città. Un evento che ha ovviamente attirato partecipanti provenienti da tutto il Paese, desiderosi di lasciarsi alle spalle un periodo difficile.

Le foto delle persone una accanto all'altra 

Le foto di migliaia di persone senza mascherine riunite al suono di canti e di balli ha fatto il giro del mondo trasformando Wuhan nel simbolo della rinascita. Misure di sicurezza ancora presenti, ma in minima parte: barriere davanti ad ogni palco e capienza controllata. Pochissime le mascherine, completamente nullo il distanziamento. Immagini che fanno a pugni con quelle dell’India, devastata in queste ore da morti e contagi, ma che generano invidia anche in altri Paesi dove la situazione non si è ancora normalizzata. La verità è che la Cina ha sofferto molto, ma ha anche lavorato molto per uscire dalla pandemia.

La campagna di vaccinazione 

L’emergenza sanitaria è stata superata con un lungo periodo di lockdown e regole severe rispettate alla lettera dai cittadini, senza neanche troppe lamentele. Ad accompagnare queste restrizioni, in parallelo, anche una campagna di vaccinazione che è proseguita spedita e che ha coinvolto 265milioni di persone secondo i dati diffusi dalla Commissione sanitaria nazionale. A Wuhan la vita notturna è stata ripristinata lo scorso 23 gennaio scorso, compresa l’apertura di discoteche. Nonostante questo, però, la notizia dell’organizzazione del mega evento che l’anno scorso non potè essere celebrato, ha riunito tantissime persone. Più di 11mila i partecipanti nella sola giornata di sabato, hanno fatto sapere entusiasti gli organizzatori della kermesse.

Il ritorno alla normalità 

Un lento processo di ritorno alla normalità che non si esaurisce con i concerti. Wuhan sarà una delle sei città cinesi che ospiteranno il City Tour dei Campionati Mondiali di League of Legends 2021, il torneo annuale organizzato dalla Riot Games alla fine di ogni season. I team competono per vincere un trofeo pesante 32 kg, la Summoner's Cup, e un premio in denaro pari ad un milione di dollari. Il torneo è organizzato in maniera tale che la sede ruota annualmente in diversi paesi e continenti, in particolare in Asia orientale, Europa, Sud – est asiatico e Nord America. Quest’anno tra i paesi ospitanti ci sarà anche Wuhan.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Wuhan il primo concerto con migliaia di persone senza mascherine e distanze

Today è in caricamento