rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Pena di morte / Stati Uniti d'America

Iniezione letale a un condannato per omicidio: "Fino all'ultimo si è detto innocente"

Arthur Brown Jr ha ricevuto l'iniezione letale per delitti di 30 anni fa. Fino all'ultimo istante ha respinto le accuse

"È l'omicidio di un uomo innocente". Sono state queste le ultime parole di Arthur Brown Jr, il detenuto di 52 anni condannato a morte per quattro omicidi di 30 anni fa che è stato giustiziato in Texas. Ha ricevuto un'iniezione letale nel carcere della città di Huntsville in Texas. Si tratta del quinto condannato a morte a essere giustiziato nello stato conservatore e l'ottavo negli Usa dall'inizio dell'anno.

Brown ha si è sempre detto innocente e ha denunciato di essere stato trattato ingiustamente. "Quello che sta accadendo qui stasera non è giustizia, è l'omicidio di un uomo innocente per un omicidio avvenuto nel 1992", ha detto l'uomo. 

Secondo l'accusa invece Brown, con due complici, ha legato e sparato a sei persone nella casa del suo spacciatore di droga a Houston. Quattro sono morte e due sono sopravvissute. Tra la vittime anche una minorenne e una donna incinta. Alla condanna a morte è stata decisa nel 1994. Sono stati condannati anche i suoi presunti complici: uno è stato giustiziato nel 2006 e l'altro sta scontando l'ergastolo. 

Gli avvocati di Brown avevano chiesto alla Corte Suprema di sospendere l'esecuzione sostenendo che l'uomo ha problemi mentali. Un tribunale di Houston ha respinto un'istanza della difesa, per la quale la condanna era basata su una testimonianza inaffidabile. 

Anche il miliardario britannico Richard Branson ha sostenuto Brown, chiedendo l'interruzione dell'esecuzione. "La sola disabilità intellettiva del signor Brown dovrebbe essere una ragione sufficiente per non giustiziarlo", ha scritto Branson sui social.

Tutte le notizie su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Iniezione letale a un condannato per omicidio: "Fino all'ultimo si è detto innocente"

Today è in caricamento