rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Mondo Stati Uniti d'America

Stati Uniti, condannato a morte il killer della strage di Charleston

Dylann Roof uccise nove afroamericani nella chiesa metodista della città del South Carolina il 17 giugno 2015

Dylann Roof è stato condannato a morte. Il giovane bianco, 22 anni, è l'autore del massacro nella chiesa della comunità afroamericana metodista a Charleston, in South Carolina. Nella strage del 17 giugno 2015 uccise nove afroamericani. Lo ha deciso la corte federale.

Roof non ha dato segnali di pentimento e, nella sua dichiarazione finale, ha affermato che "dovevo farlo". E' la prima condanna federale alla massima pena per un "crimine dell'odio". La giuria che lo ha condannato è composta da dodici membri, di cui nove bianchi e tre neri. La procura aveva accusato Roof di avere compiuto un crimine pianificato a sangue freddo, perpetrato dopo essere rimasto circa 30 minuti con i fedeli che pregavano quel giorno nella chiesa afroamericana metodista di Charleston.

DYLANN STORM ROOF, IL KILLER DI CHARLESTON

È emerso che il giovane aveva scritto un manifesto in cui riconosceva che la sua formazione ideologica era ispirata a testi suprematisti e sul suo profilo Facebook aveva pubblicato simboli dell'apartheid. Poco dopo l'arresto, il 22enne confessò di essere lui il killer di Charleston spiegando le sue motivazioni razziste. "Ho dovuto farlo perché qualcuno doveva farlo. I neri stanno stuprando e uccidendo bianchi nelle strade tutti i giorni", aveva sostenuto nella registrazione della confessione.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stati Uniti, condannato a morte il killer della strage di Charleston

Today è in caricamento