Martedì, 26 Ottobre 2021
Mondo

Coronavirus, scuole superiori riaperte a Wuhan dal 6 maggio: oggi in Norvegia si torna al nido

Wuhan ha terminato il lockdown lo scorso 8 aprile. Meno di un mese dopo rientreranno in classe gli studenti all'ultimo anno di scuola superiore in tutta la provincia cinese di Hubei. Oggi in Norvegia riaprono gli asili nido, con rigide misure di sicurezza

Wuhan, la megalopoli cinese in cui è iniziata l'epidemia poi diventata pandemia di coronavius, ha terminato il lockdown lo scorso 8 aprile. Meno di un mese dopo, il 6 maggio, rientreranno in classe gli studenti all'ultimo anno di scuola superiore in tutta la provincia cinese di Hubei, di cui Wuhan è il capoluogo. Lo scrivono oggi i media locali: nelle scorse settimane il ministero cinese dell'Istruzione ha deciso di posticipare di un mese, al 7 e 8 luglio, il temuto 'Gaokao', l'esame per accedere all'università. Le date di riapertura degli altri gradi scolastici nella provincia saranno annunciate successivamente sulla base della situazione nelle varie zone.

Hubei è stata la provincia cinese più colpita dal Covid-19, registrando il 97% dei 4.632 morti e l'82% degli 82.747 casi ufficialmente registrati nel Paese. Quasi tutto l'Hubei è stato isolato alla fine di gennaio per impedire la diffusione del nuovo coronavirus. Nella maggior parte delle province della Cina le scuole sono già state riaperte, soprattutto per gli studenti all'ultimo anno di scuola superiore, con l'eccezione della capitale Pechino.

Dalla Cina all'Europa. La Danimarca da qualche giorno ha iniziato la riapertura di asili e scuole elementari. Riaprono oggi gli asili in Norvegia dopo circa un mese di chiusura. Le autorità del Paese scandinavo hanno annunciato nei giorni scorsi che la pandemia è sotto controllo, dando il via libera alla riapertura delle scuole dell'infanzia.     

In Norvegia come nel resto del mondo i bambini sono stati i meno colpiti da forme gravi d Covid-19. "Andare all'asilo è sicuro", ha commentato il ministro  dell'Istruzione, Guri Melby, alla vigilia della riapertura. Non tutti sono così tranquilli però. Diversi  genitori infatti hanno espresso dei dubbi sulla ripresa delle normali attività degli asili creando su Facebook il gruppo 'Il mio bambino non deve essere una cavia per il Covid-19' e lanciando una petizione che ha raccolto già quasi 30mila firme. Secondo un sondaggio riportato dall'emittente 'Nrk', il 24% dei genitori non vuole mandare i propri figli all'asilo ed il 13% ritiene che non siano al sicuro. Per la riapertura tutti gli istituti devono rispettare rigidi protocolli di sicurezza e di igiene. In particolare i bambini sotto i tre anni devono fare attività in gruppi di tre e sotto la supervisione di un adulto. Quelli tra i tre ed i sei anni possono stare in gruppi di sei.

In Italia è molto probabile la chiusura delle scuole fino alla fine dell'anno scolastico, nonostante non ci sia ancora traccia di misure e decisioni ufficiali del governo. Non ci sarà, come ipotizzato in un primo momento, alcun periodo a scuola integrativo nel corso dell'estate. Fino a oggi la comunicazione sull'argomento è stata affidata a interviste rilasciate ad alcuni quotidiani dal ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina.

Coronavirus e scuole chiuse fino a settembre: da oggi è quasi una certezza

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, scuole superiori riaperte a Wuhan dal 6 maggio: oggi in Norvegia si torna al nido

Today è in caricamento