rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
La repressione / Russia

In Russia sono vietati anche gli asterischi contro la guerra

Putin reprime il dissenso degli attivisti che si oppongono alla guerra in Ucraina

Il dissenso in Russia trova spazio attraverso la creatività. Da quando è partita l'invasione russa in Ucraina, il Cremlino ha stretto la morsa sulle forme di protesta popolare per sedare il dissenso su quella che viene chiamata "operazione militare speciale" da Mosca a San Pietroburgo.
Il rischio, garantisce la Duma dopo l'approvazione della legge contro le fake news, è passare i prossimi 15 anni in prigione per chi definisce "guerra" quella che c'è nel Paese dell'Europa dell'Est. Qualsiasi sinonimo, o contrario, è una "notizia falsa" o "diffamatoria".

Così, slogan, cartelli e simboli diventano pericolosi, oltre che proibiti. Dall'inizio della guerra in Ucraina, almeno 18mila russi sono stati arrestati dalla polizia per aver manifestato contro il conflitto. 

Nelle piazze russe è andata in scena una alternativa forma di protesta, nel tentativo di sfuggire alle maglie della repressione del Cremlino. Mostrare un cartello con una serie di asterischi, generalmente otto, ad indicare le lettere delle due parole russe proibite dalla legge contro le fake news approvata il 4 marzo. Ma anche i simboli, apparentemente innocenti, sono finiti nel mirino delle autorità russe. I picchetti con fogli bianchi e asterischi si sono trasformati presto in un teatro di arresti e scontri tra manifestanti e poliziotti. 

Gli attivisti hanno così trovato un modo alternativo, sperando di sfuggire all'arresto. Scendere in piazza e manifestare esponendo un foglio bianco. Ma la forma innovativa e innocente è stata giudicata dal Cremlino come una minacciosa propaganda contro la guerra. Aumentano così gli arresti e i fermi. È accaduto all'attivista Mikhail Gusev, fermato qualche giorno fa nella città di Ivanovo, nella Russia centrale, per aver brandito un poster bianco con gli otto asterischi. Oggi ci ha provato di nuovo, provando però a scendere in piazza con un solo foglio bianco. Pochi minuti dopo è stato raggiunto dagli agenti della polizia russa ed è stato portato via. 

Gli arresti e la respressione riducono le opzioni innovative dei russi che trovano il coraggio di scendere in piazza per dire 'no' alla guerra russa in Ucraina. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Russia sono vietati anche gli asterischi contro la guerra

Today è in caricamento