Mercoledì, 12 Maggio 2021
Follia / Spagna

Positivo al Covid va al lavoro e in palestra con la febbre a 40: "Vi contagio tutti". Maxi-focolaio: arrestato

Dopo un focolaio con 22 positivi a Manacor avviata un’indagine sulla base di alcune informazioni secondo cui un impiegato di uno stabilimento di prodotti alimentari era stato “contagiato ma aveva nascosto la sua malattia”. Ecco come sono andate le cose

Non si faceva problemi di nessun tipo: andava al lavoro e in palestra, nonostante fosse stato contagiato dal Sars-CoV-2 e avesse sintomi Covid. Un uomo che ha contagiato almeno 22 persone a Maiorca, isole Baleari, è stato arrestato.

Positivo al Covid, va al lavoro e in palestra: 22 contagiati

La ha comunicato la polizia dell’isola spagnola. Dopo un focolaio a Manacor tre mesi fa la Polizia aveva avviato un’indagine sulla base di alcune informazioni secondo cui un impiegato di uno stabilimento di prodotti alimentari era stato “contagiato ma aveva nascosto la sua malattia”.

Otto persone hanno contratto il virus dopo il contatto diretto con l'uomo sul posto di lavoro e nella palestra che frequentava e altre 14 indirettamente. L'uomo arrestato si era recato al suo posto con la febbre di 40 gradi e aveva girato per lo stabilimento senza mascherina, minacciando di contagiare i suoi colleghi. Cinque dei suoi colleghi erano stati contagiati e avevano a loro volta diffuso il virus tra i familiari. Per un totale di 22 contagi nell’isola delle Baleari che a lungo aveva registrato zero casi di coronavirs. Nessuna delle 22 persone contagiate è ricorsa a cure ospedaliere.

Secondo quanto emerso dalle indagini l'uomo, al termine di una giornata lavorativa, vedendo che la sua salute non migliorava, si era infine presentato a un centro medico per sottoporsi ad un test PCR. Tuttavia, invece di restare a casa in quarantena in attesa del risultato, come stabilito dal protocollo, aveva deciso di andare a lavorare il giorno successivo e poi in palestra a praticare sport. Sia i suoi colleghi che il direttore dello stabilimento gli hanno ordinato di tornare a casa più volte perché era in attesa dei risultati dei test e per precauzione doveva rimanere isolato. Non gli ha dato retta.

Girava senza mascherina e tossiva: "Vi contagerò tutti"

Durante le indagini, alcuni dipendenti dei locali hanno affermato che quel giorno il detenuto aveva la febbre di 40 gradi e stava camminando per lo stabilimento con la maschera abbassata, tossendo forte e dicendo "Vi contagerò tutti". I dipendenti hanno cercato di allontanarsi da lui perché erano certi che avesse il Covid. Più tardi quello stesso giorno il centro medico lo ha informato che era risultato positivo al coronavirus.

I lavoratori della struttura sono stati messi in quarantena e sottoposti a un test PCR. Cinque dipendenti sono stati contagiati e, a loro volta, hanno trasmesso il virus a diversi parenti, tra cui tre bambini di appena un anno. Nella palestra frequentata dall'uomo in quei giorni sono state infettate altre tre persone, che a loro volta hanno diffuso il virus anche alle persone intorno a loro. Il saldo finale è stato di 22 contagiati.

Dopo essere andato in tribunale venerdì, l'uomo è stato rilasciato, ed è accusato di lesioni.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Positivo al Covid va al lavoro e in palestra con la febbre a 40: "Vi contagio tutti". Maxi-focolaio: arrestato

Today è in caricamento