rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Grecia / Grecia

Atene punta sul "Made in Greece" per dare ossigeno all'economia

Gli economisti: "Se ogni famiglia greca spendesse 4000 euro all’anno in prodotti greci, l’economia riceverebbe un impulso equivalente a 10 miliardi di euro"

La via per ridare ossigeno all'agonizzante economia ellenica? Puntare tutto sul Made in Greece. Il ragionamento degli economisti di Atene non fa una piega: se i greci iniziassero a comprare più prodotti greci, i benefici per l'economia nazionale ci sarebbero.

Non c'è traccia di un'autarchia fuori tempo massimo, ma sui mezzi di comunicazione di Atene si sta facendo sempre più strada la consapevolezza che un consumo critico e consapevole sia essenziale. "Più si usa la Grecia come marchio, come strumento di marketing, e più i consumatori metteranno attenzione su questo lato del prodotto", spiega un economista.

La missione è, va sottolineato, quasi impossibile. Mantenere alta la domanda in questi tempi di crisi è un'impresa, ma c'è chi ci crede davvero."Oggi il 50 per cento delle nostre industrie sono ferme, non hanno più la capacità di produrre - spiega un altro economista - Una situazione che potrebbe capovolgersi grazie ai consumatori che scelgono prodotti greci". I calcoli sono, in linea teorica, incoraggianti. Se ogni famiglia greca spendesse 4000 euro all’anno in prodotti Made in Greece, l’economia riceverebbe un impulso equivalente a 10 miliardi di euro.

La crisi greca sta mostrando alcuni effetti collaterali evidenti in questi freddi giorni di inverno. Atene si trova in questi giorni sepolta da una nuvola di smog irrespirabile: il fumo delle migliaia di camini a legna che anche gli ateniesi stanno usando per il riscaldamento; gas e gasolio sono troppo cari, in tanti non possono più permettersi.

GRECIA AL FREDDO, IL RISCALDAMENTO COSTA TROPPO

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atene punta sul "Made in Greece" per dare ossigeno all'economia

Today è in caricamento