rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
SUDAN / Sudan

Darfur, la guerra è infinita e la pace è un miraggio

La violenza nel paese è senza controllo. I combattimenti per il controllo di una miniera d'oro nel nord Darfur ha causato la morte di più di 500 persone. Il popolo del Darfur è uno dei più poveri dell'Africa

Sono passati dieci anni da quando scoppiò la guerra civile nella regione sudanese del Darfur, ma la zona rimane distrutta dal conflitto e gli sforzi per costruire una pace duratura sono finora falliti. Al Jazeera approfondice l'argomento.

"Molto poco è cambiato perché la crisi politica in tutto il paese continua, per cui la crisi del Darfur è parte della crisi politica generale, non è separabile. I gruppi ribelli armati in Darfur hanno legami con le fazioni sia nel nord o avevano legami in passato e continuano ad avere legami con il SPLF che controlla ora il nuovo paese in Sud Sudan" dice Safwat Fanos, professore associato presso l'Università di Khartoum.

Il conflitto del Darfur (talvolta chiamato genocidio del Darfur) è un conflitto armato ancora in corso nella regione del Darfur situata nell'ovest del Sudan. La guerra, iniziata nel febbraio del 2003, vede contrapposti i Janjawid (letteralmente "demoni a cavallo") , un gruppo di miliziani arabi reclutati fra i membri delle locali tribù nomadi dei Baggara, e la popolazione non Baggara della regione (principalmente composta da tribù dedite all'agricoltura). Il governo sudanese, pur negando ufficialmente di sostenere i Janjawid, ha fornito loro armi e assistenza e ha partecipato ad attacchi congiunti rivolti sistematicamente contro i gruppi etnici Fur, Zaghawa e Masalit. Le stime delle vittime del conflitto variano a seconda delle fonti da 50.000 (OMS, settembre 2004) alle 450.000 (Eric Reeves, 28 aprile 2006). La maggior parte delle ONG reputa credibile la cifra di 400.000 morti. Un decennio di scontri ha lasciato milioni di sfollati.

Il popolo del Darfur è uno dei più poveri dell'Africa: da un decennio molti vivono nella disperazione, nei campi profughi, nella paura.

Alcune tribù arabe nel corso degli anni si sono rivoltate l'una contro l'altra per il controllo delle risorse, cambiando la natura del conflitto. Ma sono i civili quelli che stanno ancora soffrendo le conseguenze della guerra. Mentre i gruppi ribelli del Darfur sono pronti a spingere per il processo di pace, è la lotta tra le tribù arabe che ora destabilizza il paese.

"Il semplice fatto è che la guerra in Darfur non è una guerra di emarginazione, è in realtà una guerra nazionale; nei primi anni 2000 ci fu una grande rottura tra il governo del Sudan e la fazione islamista guidato dal dottor Hassan al-Turabi." cerca di fare chiarezza David Hoile, professore alla Università Internazionale del Sudan.

SUD SUDAN, NON E' UN PAESE PER GIORNALISTI

La violenza nel paese è senza controllo. I combattimenti per il controllo di una miniera d'oro nel nord Darfur ha causato la morte di più di 500 persone, decine di villaggi si dice che siano stati distrutti. Secondo le Nazioni Unite, sette settimane di combattimenti hanno lasciato 100.000 persone sfollate o gravemente colpite. Si aggiungono ai circa 1,4 milioni di sfollati che già vivono nei campi.

E anche se la violenza è diminuita negli ultimi anni, l'obiettivo della pace in Darfur rimane inafferrabile come sempre. Ci potrà mai essere una pace duratura dopo un decennio di guerra in Darfur?

Ishag Mekki, che fa parte della Darfur Victims Organisation of Relief and Rehabilitation non appare fiducioso: "Dal 2001, 2002, 2003 in poi il governo è intervenuto in prima persona e ha sostenuto tribù arabe contro africane nella zona. Ed è stata iniziata una guerra per eliminare gli abitanti del Darfur, solo perché hanno chiesto di avere una parte del potere e delle risorse del paese. E' il decimo anniversario di questa guerra e ci sono state molte trattative, ma tutti questi negoziati non hanno mai portata a una soluzione politica per la crisi in Darfur ". Fonte: Al Jazeera

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Darfur, la guerra è infinita e la pace è un miraggio

Today è in caricamento