rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
La rubrica

10 notizie dal mondo che non sono finite in prima pagina

Dagli attentati terroristici in Somalia all'arresto del figlio del re della droga messicana El Chapo, i principali fatti della settimana che hanno avuto meno rilevanza sulla stampa

Gli Emirati Arabi Uniti sospendono la tassa sull'alcool

Dubai ha iniziato il nuovo anno sospendendo l'imposta del 30% sugli alcolici, una mossa che potrebbe aiutare gli Emirati Arabi Uniti ad attrarre più turisti e imprese in un contesto di crescente concorrenza regionale. Il governo ha eliminato l'imposta, insieme alla tassa per la licenza necessaria ai privati per acquistare alcolici. L'offerta di alcolici a prezzi significativamente più bassi probabilmente rafforzerà la posizione di Dubai come centro del Medio Oriente per il turismo e gli affari, in un momento in cui gli economisti avvertono un rallentamento dell'economia globale che potrebbe intaccare la spesa per i viaggi e il tempo libero. Oltre il 90% della popolazione di Dubai è costituita da residenti stranieri e l'alcol è ampiamente disponibile nell'emirato da anni, a differenza dei vicini Arabia Saudita e Kuwait, dove rimane vietato, e del Qatar, dove il suo acquisto è più limitato.

Scontro tra due elicotteri in Australia, muoiono 4 persone

Quattro persone sono morte e altre otto sono rimaste ferite in una collisione a mezz'aria tra due elicotteri avvenuta lunedì in una zona turistica del Queensland, sulla Gold Coast. La polizia ha dichiarato che l'incidente sembra essere avvenuto mentre un elicottero stava atterrando e l'altro stava decollando. Uno dei due elicotteri, che trasportava sei passeggeri, cinque dei quali hanno riportato ferite minori, è atterrato con successo su una piccola isola di sabbia. L'altro mezzo si è schiantato nelle vicinanze, dove giaceva capovolto dopo l'incidente. Quattro persone sono state dichiarate morte sulla scena, compreso il pilota, e altre tre sono rimaste gravemente ferite.

Catturato in Messico il figlio del boss della droga El Chapo

Le autorità messicane hanno annunciato giovedì di aver catturato il figlio del signore della droga El Chapo in un'operazione svoltasi a Culiacán, una città del nord-ovest che è stata a lungo la base del cartello di Sinaloa. Le forze di sicurezza hanno arrestato Ovidio 'El Raton' Guzmán López, figlio di Joaquín Guzmán Loera, il famigerato signore del crimine noto come El Chapo e reso famoso anche da diverse serie televisive, e lo hanno trasferito a un ufficio del procuratore speciale di Città del Messico. La cattura del figlio di El Chapo, anch'egli leader di spicco del cartello, consente al governo di rivendicare una vittoria nei suoi sforzi, ormai fermi, di combattere la violenza durante uno dei periodi più letali della storia recente della nazione.

Due autobombe uccidono più di 20 persone in Somalia

Più di 20 persone sono state uccise e altre 30 sono rimaste ferite quando due autobombe hanno colpito mercoledì una città della Somalia centrale. Un gruppo terroristico, Al Shabab, ha rivendicato la responsabilità degli attacchi, avvenuti mentre i militanti stanno perdendo il controllo di città e villaggi a causa di un'offensiva governativa. Mumin Mohamed Halane, commissario distrettuale di Mahas, ha dichiarato alla radio di Stato che la prima bomba è stata fatta esplodere davanti a casa sua e che la seconda ha preso di mira la casa di un deputato. Al Shabab, un gruppo estremista che giura fedeltà ad Al Qaeda, ha subito rivendicato la responsabilità delle esplosioni, affermando di aver ucciso 87 persone, tra cui ufficiali militari e soldati. Le autorità non hanno rilasciato una cifra ufficiale delle vittime, ma un alto funzionario del governo somalo ha dichiarato che più di 20 persone sono state uccise e altre 30 ferite. Secondo i media, il bilancio delle vittime è arrivato a 35, con 40 feriti.

L'Onu chiede la liberazione del giornalista senegalese in sciopero della fame

Aumentano le pressioni sulle autorità senegalesi affinché rilascino un giornalista e attivista dei diritti umani in sciopero della fame, dopo le notizie sul deterioramento delle sue condizioni di salute. Pape Alé Niang, direttore del sito web di notizie Dakar Matin, rifiuta il cibo da quando è stato imprigionato il 20 dicembre e si trova in ospedale dal 24 dicembre. Martedì Mary Lawlor, relatrice speciale delle Nazioni Unite per i difensori dei diritti umani, ha chiesto il suo rilascio su Twitter. Più di 40 giornalisti di organizzazioni mediatiche africane hanno chiesto il rilascio di Niang e la caduta delle accuse "fallaci" di aver rivelato informazioni governative riservate. L'uomo, stimato giornalista d'inchiesta, è stato arrestato il 6 novembre dopo aver riportato gli sviluppi di un'inchiesta di alto profilo su un presunto stupro da parte del politico dell'opposizione e candidato alle presidenziali del 2024 Ousmane Sonko, accusa che Sonko nega.

I guerriglieri colombiani dell'Eln negano di aver concesso il cessate il fuoco

Il più grande gruppo guerrigliero rimasto in Colombia ha smentito le affermazioni del governo secondo cui avrebbero concordato un cessate il fuoco nazionale. Il Presidente Gustavo Petro aveva annunciato la vigilia di Capodanno che i cinque maggiori gruppi armati del Paese avevano concordato una tregua di sei mesi, ma martedì l'Esercito di Liberazione Nazionale (Eln) ha respinto le affermazioni, affermando di non essere stato consultato su alcun piano del genere. "La delegazione di dialogo dell'Eln non ha discusso alcun cessate il fuoco bilaterale con il governo di Gustavo Petro, quindi non esiste alcun accordo", ha dichiarato la guerriglia in un comunicato. Si stima che 450mila colombiani siano stati uccisi e 8 milioni sfollati, rendendo il conflitto interno della Colombia uno dei più letali della storia moderna. Un accordo di pace del 2016 ha eliminato il più grande gruppo di ribelli del Paese, le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc), da questo conflitto ma la nazione non è riuscita a impedire che organizzazioni più piccole e meno ideologiche riempissero il vuoto di potere lasciato dalla smobilitazione.

La Fifa nomina la prima arbitro internazionale donna dell'Arabia Saudita

Il primo arbitro internazionale donna dell'Arabia Saudita è stato nominato dalla FIFA giovedì, meno di un anno dopo il debutto della squadra nazionale femminile del regno islamico e conservatore. Il nome di Anoud al-Asmari è stato pubblicato come parte di una lista resa nota dalla Federazione calcistica della nazione, ed è uno degli otto sauditi che fanno parte della commissione internazionale annunciata dall'organo di governo mondiale del calcio, l'unica donna inclusa. La scelta di al-Asmari è l'ultimo di una serie di passi avanti nel mondo del calcio da parte dei sauditi, Paese ricchissimo grazie al petrolio, che ha attirato il 37enne Cristiano Ronaldo nella Saudi Pro League e sta valutando una candidatura per ospitare la Coppa del Mondo. "Sono felice di essere la prima donna arbitro saudita a ricevere il distintivo internazionale nella storia dello sport saudita", ha dichiarato al-Asmari all'agenzia di stampa Afp.

Rilasciato in Israele il prigioniero palestinese di più lunga data

Il prigioniero palestinese di più lunga data, Karim Younis, è stato rilasciato dopo aver scontato 40 anni nelle carceri israeliane. Le autorità hanno rilasciato Younis il 66enne dalla prigione di Hadarim, a nord di Tel Aviv, all'alba di giovedì. L'uomo era stato arrestato nel 1983 e accusato di aver ucciso un soldato israeliano nelle alture occupate del Golan siriano tre anni prima. Younis proviene dal villaggio palestinese di Ara, in Israele, dove una grande folla di parenti e amici lo ha accolto al suo ritorno. Mentre la maggior parte dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane proviene dalla Cisgiordania occupata, Younis è un cittadino palestinese di Israele. I palestinesi dicono che stava semplicemente resistendo all'occupazione, gli israeliani dicono che si trattava di una questione interna israeliana. Inizialmente era stato condannato all'ergastolo, poi commutato in 40 anni.

Attivista keniota Lgbt+ trovato morto in una cassa di metallo

La polizia keniota ha scoperto il corpo di Edwin Chiloba, influente attivista per i diritti Lgbyy+, rinchiuso in una cassa di metallo nella parte occidentale del Paese. I resti dell'uomo sono stati trovati martedì vicino alla città di Eldoret, nella contea di Uasin Gishu, dove gestiva la sua attività di moda. "È stato brutalmente ucciso e gettato nella zona da aggressori sconosciuti", ha denunciato la ong Kenya Human Rights Commission (KHRC). Secondo una legge dell'epoca coloniale britannica, il sesso gay in Kenya è punibile con 14 anni di carcere. La legge è raramente applicata, ma la discriminazione è comune. Le ricerche indicano che l'accettazione dell'omosessualità sta gradualmente aumentando nella nazione ma per molti rimane un argomento tabù. Negli ultimi anni, la commissione cinematografica del Paese ha vietato due film per la loro rappresentazione di vite omosessuali.

In Vietnam rimossi due vicepremier, continua la campagna contro la corruzione

L'Assemblea nazionale del Vietnam ha votato per la destituzione di due vice-primi ministri. La decisione del parlamento di rimuovere Pham Binh Minh e Vu Duc Dam non è stata motivata, ma la mossa arriva in un momento in cui il Paese a guida comunista sta intensificando la lotta alla corruzione. Il giro di vite ha già portato all'arresto di un ministro della Sanità e di altri alti funzionari e diplomatici. In indagini separate, sono stati arrestati anche importanti uomini d'affari. Minh, 63 anni, è stato ministro degli Esteri del Paese tra il 2011 e il 2021 e vice primo ministro dal 2013. Dam, 59 anni, nominato vice primo ministro nel 2013, è noto per i suoi sforzi nel guidare la lotta del Paese del sud-est asiatico contro la pandemia Covid.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

10 notizie dal mondo che non sono finite in prima pagina

Today è in caricamento