Venerdì, 7 Maggio 2021
Brasile

"In Brasile è in corso un colpo di Stato": lo sfogo di Dilma Rousseff

La Presidente ha ricevuto la notifica ufficiale della sospensione al termine di un dibattito durato 22 ore. Per i prossimi 180 giorni il Brasile sarà guidato dal vicepresidente, e principale 'nemico' politico, Michel Temer

Proteste in Brasile (Infophoto)

BRASILE - "Quando un presidente è accusato di un crimine che non ha commesso non è impeachment, è un golpe: lotterò con tutti i mezzi legali di cui dispongo per esercitare il mio mandato fino alla fine": Dilma Rousseff ha rivendicato ancora una volta la sua dignità e al sua onestà nella sua ultima dichiarazione dopo la notifica ufficiale della sospensione dall'incarico.

SOSPESA PER 180 GIORNI - Al termine di un dibattito estenuante durato 22 ore, la maggioranza dei senatori brasiliani ha deciso infatti di autorizzare il processo di impeachment del Presidente: a partire da questo momento Dilma verrà sospesa per un massimo di 180 gironi mentre si celebra il processo a suo carico: potrà rimanere nella sua residenza ufficiale ed avrà diritto alla sanità e agli spostamenti con i mezzi ufficiali, sebbene con salario dimezzato.

LO SFOGO DELLA PRESIDENTE - "Sono state eletta presidente con 54 milioni di voti, ed è in questa veste che voglio parlarvi in questo momento decisivo per la democrazia brasiliana e per tutto il nostro Paese: ciò che è in gioco non è il mio mandato, ma il rispetto delle urne e della Costituzione, della volontà sovrana del popolo brasiliano; le conquiste degli ultimi 13 anni, ma anche il futuro del nostro Paese", ha continuato Dilma rivendicando i progressi economici e sociali dell'ultimo decennio. 

"IMPEACHMENT FRAUDOLENTO" - "Voglio denunciare un impeachment fraudolento: da quando sono stata eletta una parte dell'opposizione volle ricontare i voti e successivamente ha iniziato a cospirare per l'impeachment, creando un ambiente di sabotaggio continuo al mio governo, un ambiente propizio a un golpe. Gli atti da me posti in essere sono stati legali e legittimi, analoghi a quelli dei Presidenti che mi hanno preceduto: non era un reato ai loro tempi, non lo è neanche adesso", ha ribadito Dilma. "Il golpe non vuole solo destituire un Presidente eletto dal voto di milioni di voti, ma impedire l'applicazione del programma politico approvato da milioni di brasiliani: il rischio è quello di avere ora un governo illegittimo, che nasce da un golpe, da un impeachment fraudolento, da una specie di elezione indiretto, che potrà cedere alla tentazione di reprimere chi gli è contrario, che sarà esso stesso una causa della crisi in cui versa il Paese"

SOSPESA FINO A OTTOBRE - Al di là dell'ottimismo di rito, l'ultima tappa del calvario politico di Dilma arriverà in ottobre, quando sarà un nuovo voto senatoriale, questa volta con una maggioranza qualificata di due terzi, a decidere la sua effettiva destituzione: da questo punto di vista, è importante notare come i senatori che oggi hanno votato a favore dell'impeachment sono stati 55, uno in più del limite richiesto per la condanna definitiva. 

COSA ACCADRA' - Uscita - almeno temporaneamente - di scena Dilma, l'attenzione passa a concentrarsi sul suo sostituto, l'ex alleato e oggi principale nemico politico Michel Temer: in quanto vicepresidente, sarà lui ad assumere i tutti i poteri ed ha già incontrato tutti i probabili Ministri del suo futuro esecutivo per preparare le linee guida economiche, all'insegna di una prevedibile austerità; in serata terrà il suo primo discorso al Paese. Temer tuttavia deve affrontare due ostacoli non da poco per poter realizzare le sue ambizioni presidenziali: primo, la crescente impopolarità - una maggioranza dei brasiliani sarebbe favorevole alle sue dimissioni, in concomitanza con quelle di Dilma, come soluzione alla crisi - e secondo, il possibile coinvolgimento nello scandalo Petrobras.

L'INCHIESTA - La magistratura ha infatti aperto un'inchiesta nei confronti di due fra i principali esponenti dell'opposizione, accusati di corruzione: il senatore Aecio Neves e l'ex presidente della Camera Eduardo Cunha, considerato da Dilma uno dei principali promotori dell'impeachment; Temer al momento ne è rimasto fuori ma è stato tirato in ballo da uno dei super-testimoni dell'inchiesta.   Tutto fa pensare che Dilma - che ha ricordato le sofferenze patite con l'arresto e la tortura sotto la dittatura come esempi di sfide superate e vinte - non si arrenderà a quella che considera una grande ingiustizia: per il Brasile si apre quindi un periodo di grande incertezza e divisioni, in cui a una crisi politica e istituzionale rischia di sostituirsene una ancora più grave.

LA CHIAMATA ALLA MOBILITAZIONE - Dilma ha invitato i sostenitori del Partito dei Lavoratori (Pt) e "chiunque si voglia opporre al golpe" a manifestare pacificamente e a rimanere mobilitati contro un governo che non ha ricevuto la legittimazione degli elettori, guidato da un vicepresidente agli occhi di molti brasiliani ormai screditato e in un clima di crisi economica che intende affrontare con un programma di tagli alle pese sociali: non certo la ricetta migliore per riportare il Paese alla pace istituzionale.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"In Brasile è in corso un colpo di Stato": lo sfogo di Dilma Rousseff

Today è in caricamento