rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Mondo Stati Uniti d'America

Pestato dai bulli perché disabile, lui si "vendica" così

Gavin, affetto dalla sindrome di Asperger, ha deciso di dare lui stesso una lezione a chi lo aveva colpito. Non una vendetta, ma una vera e propria lezione di vita

NEW BADEN (STATI UNITI) - Gavin Jospeh, uno studente dell'ultimo anno di liceo affetto dalla sindrome di Asperger, è stato picchiato violentemente da un gruppo di bulli, che lo hanno pestato a sangue, rompendogli il naso e lasciandolo con una commozione cerebrale: l'unica sua colpa era di essere un disabile, di avere tempi di reazioni diversi e a volte di rifugiarsi in un mondo suo.

Subito dopo l'aggressione, Gavin avrebbe dovuto recarsi dalla polizia per denunciare il fatto e vedere punito chi gli aveva fatto gratuitamente del male. Invece il ragazzo ha deciso di dare lui stesso una lezione all'uomo che per primo lo aveva colpito e trascinato in mezzo al gruppo. Gavin ha ottenuto che l'uomo e la sua famiglia fossero obbligati a visionare un filmato di 20 minuti registrato da lui stesso nel quale veniva spiegato come un malato di Asperger avesse vissuto quell'aggressione, invitandoli poi a scrivere un pensiero su quanto accaduto.

La mamma di Gavin si è detta orgogliosa della reazione di suo figlio e ha raccontato lei stessa la storia in un post che su Facebook ha raggiunti più di 100mila utenti. "Sono così orgogliosa di mio figlio - ha detto la signora Joseph - Spero che il suo gesto possa servire da lezioni a chi ha aggredito il mio ragazzo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pestato dai bulli perché disabile, lui si "vendica" così

Today è in caricamento