Martedì, 27 Ottobre 2020
Mondo / Germania

Un dito medio a chi non indossa la mascherina: campagna shock a Berlino

Fanno discutere lo slogan e l’immagine scelti dall’ufficio del turismo e dal Senato per invitare cittadini e turisti a rispettare le regole anti-Covid per salvaguardare anziani e persone più fragili

“Un dito medio a tutti quelli che non indossano la mascherina”. Sta facendo discutere la campagna pubblicitaria lanciata dal Senato di Berlino e dall’ufficio del turismo che mostra insieme a questo slogan la foto di una donna anziana che fa il dito medio a chi guarda e indossa la mascherina. 

Scopo della campagna, fanno sapere dall’ufficio del turismo di Berlino, è sottolineare l’importanza di salvaguardare la salute dei più anziani e si inserisce nell’ambito di una più ampia campagna che invita le persone a rispettare le regole anti-Covid in vigore nella capitale tedesca. “Molti tra i berlinesi e i nostri ospiti rispettano e seguono le norme ma alcune persone non lo fanno. Loro mettono a rischio la vita delle persone anziane e dei soggetti fragili della comunità”, ha detto alla Bbc il portavoce di Visit Berlin, Christian Tänzler.

Una campagna che non è passata inosservata e che fa discutere

Da qui la decisione di agire e puntare su una campagna sicuramente aggressiva e che di certo non passa inosservata. Oltretutto, ha affermato Tänzler, il “tono di voce” rispecchia in pieno lo spirito dell’umorismo berlinese, richiamandosi al concetto di Berliner Schnauze, un atteggiamento tipico dei suoi abitanti, dissacrante, un po’ grezzo, a volte quasi volgare, sicuramente diretto. E il target, ha spiegato Tänzler, sono “le persone che non rispettano le vite degli altri”, mentre “se qualcuno si è sentito attaccato personalmente perché non è in grado di indossare la mascherina, quello non è era il nostro obiettivo e mi scuso”.

La campagna è stata pubblicata inizialmente su un giornale locale berlinese, ma è diventata ben presto virale sui social network, suscitando reazioni contrastanti. C’è anche chi l’ha definita un insulto, come il caporedattore del quotidiano berlinese Der Tagesspiegel, Lorenz Mardolt, che su Twitter ha criticato duramente la campagna. “Il Senato sembra pensare che insultare le persone sia più sicuro rispetto a regole chiare e stringenti con controlli efficaci. Hanno fallito su tutta la linea”, ha detto. 

Troppi contagi, il governo federale si prepara a una stretta nei controlli

Berlino intanto fa i conti con la crescita dei contagi e dei ricoveri in terapia intensiva. Ieri ad esempio sono stati registrati più contagi che in qualsiasi altro giorno dell’anno, ben 706 casi in 24 ore, addirittura un numero maggiore rispetto ai mesi più difficili dell’inizio della pandemia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel resto della Germania oggi sono stati rilevati più di 5mila nuovi casi di contagio, secondi i dati del Robert Koch Institute: oltre mille in più rispetto a ieri. E il governo federale sta già correndo ai ripari, ipotizzando regole più rigide proprio su mascherine, coprifuoco per bar e ristoranti e feste private nelle regioni con 35 nuovi contagi ogni 100mila abitanti in una settimana. Queste regole potrebbero entrare in vigore in maniera variabile a seconda delle varie regioni, come si evince dalla bozza che sarà discussa tra la Cancelliera Angela Merkel e i rappresentanti dei Land tedeschi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Un dito medio a chi non indossa la mascherina: campagna shock a Berlino
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...