rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Mondo Spagna

Tutto quello che c'è da sapere sull'indipendenza della Catalogna

Otto domande (e relative risposte) poste da un'eventuale dichiarazione d'indipendenza

Sono imprevedibili oggi come oggi gli esiti del caos seguente al referendum in Catalogna. Tanti scenari possibili, tanti dubbi. Otto domande, e relative risposte, poste dall'eventuale dichiarazione d'indipendenza della Catalogna, in attesa della sua possibile proclamazione lunedì dal parlamento di Barcellona. Ieri la corte costituzionale spagnola, che aveva già dichiarato illegale il referendum catalano sull'autodeterminazione di domenica scorsa, ha sospeso la seduta dell'assemblea catalana di lunedì. La Conferenza dei capigruppo del Parlamento della Catalogna ha da parte sua accolto una richiesta di convocazione dell'Assemblea lunedì, senza citare nell'ordine del giorno la dichiarazione unilaterale di indipendenza o altre questioni legate al referendum

Una dichiarazione unilaterale d'indipendenza avrebbe valore legale?

NO. Per la coalizione al potere in Catalogna, è lo sbocco obbligato del referendum che era nel suo programma elettorale del 2015. La consultazione popolare proibita di domenica ha portato ai seggi 2,26 milioni di elettori catalani (42% degli aventi diritto), nonostante le iniziative di dissuasione di Madrid prima del voto e il pesante intervento della polizia durante la giornata elettorale, che ha causato molti feriti. Il governo catalano si sente legittimato anche dalla grande protesta di martedì. Per Madrid invece la dichiarazione "unilaterale" non ha alcuna base legale. La legge che indice il referendum è stata sospesa dalla Corte costituzionale perchè viola il principio fondamentale dell'"unità indissolubile della Spagna" sancito dall'articolo 2 della costituzione del 1978). Sul piano internazionale regna l'imbarazzo. La Catalogna si avvale del "diritto dei popoli all'autodeterminazione", principio di diritto internazionale che ha permesso ad alcuni stati di dichiararsi indipendenti dopo essere stati colonizzati, come la Rhodesia, oggi Zimbabwe, od oppressi, come il Kosovo. Ma il principio non è mai stato applicato a stati democratici, inoltre la definizione di popolo catalano è complessa

Avrebbe conseguenze concrete?

IN TEORIA SI'. Insieme alle legge sul referendum a settembre il Parlamento catalano ha varato ua legge di transizione per preparare la fondazione di una Repubblica catalana, "sganciata" dala monarchia spagnola. La legge instaura tutti i caratteri di uno Stato, compresa l'indipendenza fiscale, cara ai secessionisti . La nazionalità verrebbe concessa a tutti gli iscritti nelle liste elettorali nel 2016 (con la possibilità di mantenere anche la nazionalità spagnola) e i dipendenti pubblici sarebbero automaticamente integrati nella nuova amministrazione. Una corte suprema amnstierebbe i condannati per l'indipendentismo. Entro sei mesi verrebbe eletta un'Assemblea costituente incaricata di redigere una costituzione che sei mesi, a ottobre 2018, dopo verrebbe approvata per referendum.

Il governo di Madrid lo impedirà?

PROBABILMENTE. Il ministro della Giustizia spagnolo ha assicurato che Madrid "farà tutto ciò che è permesso dalla legge" se i catalani dichiareranno l'indipendenza. Il governo conservatore di Mariano Rajoy le ha già provate tutte, invano, per impedire il voto di domenica. Resta l'arma pesante dell'articolo 155 della Costituzione spagnola, mai usato prima, che consente al governo di prendere il controllo di una comunità autonoma se i suoi leader "attentano in modo grave agli interessi della Spagna". Se esita ancora a usare questa clausola, il premier potrebbe però usare la legge di sicurezza nazional per prendere il controllo della polizia regionale catalana, i Mossos d'esquadra. Il Partito popolare al governo ha anche varato una legge che consente alla corte costituzionale di licenziare i dipendenti regionali che non rispettano le sue decisione. Inoltre il presidente catalano Carles Puigdemont potrebbe essere arrestato oper sedizione, insieme al souo governo è già indagato per "disobbedienza, abuso d'ufficio e malversazione". Mariano Rajoy può contare sul sostegno del suo partito, dell'alleato di governo Ciudadanos e degli oppositori del Psoe, tutti contrari all'indipendenza catalana

L'Unione europea può mediare?

E' INCERTO. Da lunedì Puigdemont chiede all'Unione europea si guidare una "mediazione internazionale" tra Madrid e Barcellona. Ma finora al Commissione Ue ha rifiutato di ergersi ad arbitro in quel che considera "un dossier interno" spagnolo. Il portavoce della commissione ha detto che l'esecutivo Ue "non ha un ruolo in questa fase" e "ha fiducia nel premier Mariano Rajoy", chiedendo di "passare rapidamente dal confronto al dialogo". I leader europei hanno commentato il meno possibile e il tema è tanto più sensibile di fronte alle istanze secessioniste di altre regioni europee, come Scozia e Fiandre.

Una Catalogna indipendente può restare nella Ue?

IN LINEA DI PRINCIPIO NO. Lo vorrebbe il governo catalano, che ha fatto un'intensa azione di lobbying a Bruxelles. Ma se si separa dalla Spagna, la Catalogna esce da tutti i trattai Ue e deve rilanciare il processo di adesione, un processo lungo e faticoso. Inoltre l'adesione necessita di una ratifica unanime di tutti i paesi Ue, anche della Spagna, un'eventualità che pare molto improbabile. Ma anche altri Paesi potrebbero porre il veto a quel che sarebbe un precedente pericoloso. 

L'euro resterà la moneta catalana?

SI', MA... La Catalogna dovrebbe rinegoziare la sua appartenenza all'eurozona e allo spazio Schengen, ma potrebbe tentare di mantenere l'euro come moneta ufficiale come fanno altri Paesi che non sono nè Ue nè in eurozona: Andorra, Kosovo, Montenegro, Monaco, San Marino e Vaticano. Ma la Bce non l'appoggerebbe.

Referendum Catalogna, scontri con la polizia

L'economia catalana si può reggere da sola?

IN TEORIA SI'. Il prodotto interno lordo catalano è il 20% di quello spagnolo e supera quello portoghese. La Catalogna è anche la regione più ricca del Paese e il tasso di disoccupazione, 13,2% è nettamente più basso della media spagnola, 17,2%. Con una frontiera verso la Francia e una lunga costa sul Mediterraneo, la Catalogna contribuisce con il 25% all'export spagnolo, grazie a banche, agroalimentare, chimica e auto. E' anche la prima regione turistica di Spagna, con 18 milioni di visitatori l'anno. Un dinamismo economico che è un punto di forza dei separatisti, i quali sostengono he Madrid li rapina. La differenza tra i contributi pagati e ricevuti da Madrid è di 10 miliardi di euro secondo lo stato spagnolo, di 16 secondo i catalani. 

L'indipendenza può danneggiare l'economia catalana?

SE NE DIBATTE. La Catalogna ha un debito del 35,4% del Pil ed è classificato come "speculativo", un fatto che le impedisce di finanziarsi sui mercati. Deve perciò rivolgersi a Madrid, che con il Fondo di liquidità autonomo le ha concesso 63 miliardi di euro. Se dichiarasse l'indipendenza, la Spagna non esiterebbe ad accollarle una parte del suo debito pubblico, in tal caso in debito catalano supererebbe il 100% del pil. Secondo il ministro spagnolo dell'economia il Pil cadrebbe tra il 30 e il 35%, mentre altri economisti dicono che resterebbe stabile a breve per poi perdere il 7%.

Marcia per l'indipendenza della Catalogna

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutto quello che c'è da sapere sull'indipendenza della Catalogna

Today è in caricamento