rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Macabro giallo / Stati Uniti d'America

Orsolya Gaalm, la donna uccisa e nascosta in un borsone

La vittima aveva 51 anni. Il killer ha infierito sul suo corpo con sessanta coltellate prima di chiudere il cadavere in una sacca e abbandonarla accanto a un parco. In un frame della videosorveglianza la sagoma del carnefice. Interrogato uno dei figli

Chi l'ha uccisa ha infierito su di lei con sessanta coltellate - al busto, alle braccia, al collo - poi ha infilato il cadavere martoriato in un borsone e l'ha abbandonato accanto a un parco dove è stato poi trovato. E' la macabra fie di Orsolya Gaalm, donna 51enne brutalmente uccisa a New York.

Il suo omicidio è un giallo e gli inquirenti sono al lavoro per venirne a capo. Il corpo è stato rinvenuto sabato mattina su Metropolitan Avenue, nel Quuens, nei pressi di un parco da un uomo che portava a spasso i suoi due cani. Notando del sangue si è avvicinato, ha visto il corpo e ha dato l'allarme.

Il killer è stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza mentre trascinava la borsa per strada poche ore prima del ritrovamento. Troppo poco però per dare un senso a quello che sembra un mistero.

sospettato omicidio orsolya-2

La donna viveva con i due figli e il marito in una grande villa. Chi la conosceva è sotto choc. I vicini la descrivono come "una donna adorabile. Sempre molto attenta alla sua famiglia, ai suoi figli, solo una persona straordinari". I figli sono stati i primi a essere ascoltati dalla polizia. Il più piccolo, 13 anni, è stato interrogato e poi rilasciato. L'altro figlio di 17 anni era invece in viaggio con il padre e marito della vittima a Portland, in Oregon.

Come emerso dalle prime indagini, la 51enne era uscita venerdì sera tornando nella sua villa di Forest Hills intorno alle 23: sembra che abbia detto al 13enne che andava a teatro mentre invece si sarebbe incontrata con un uomo. Il New York Post riporta che il killer avrebbe inviato al marito della donna un messaggio: "La tua intera famiglia sarà la prossima".

Finora la polizia non ha effettuato alcun fermo e sembra non ci sia una pista delineata. Quel che appare chiaro è che vittima e carnefice si conoscevano: non c'erano segni di un'irruzione in casa e la ferocia con cui la donna è stata massacrata induce a pensare a una vendetta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orsolya Gaalm, la donna uccisa e nascosta in un borsone

Today è in caricamento