Lunedì, 27 Settembre 2021
Mondo Germania

In Germania si sceglie il dopo-Merkel: chi sono i favoriti

Ad Amburgo si sono riuniti 1.001 delegati del Cdu per votare il successore della cancelliera, che ha rinunciato a candidarsi per un nuovo mandato: i principali candidati sono tre

C'è fermento in Germania, in cui si apre la fase politica del dopo-Merkel. Sono ben 1.001 i delegati dell'Unione cristianodemocratica riuniti in Congresso ad Amburgo per scegliere il nuovo presidente del partito, dopo la rinuncia della cancelliera a candidarsi per un nuovo mandato ai vertici della Cdu, pur restando alla guida del governo.

I favoriti

Tre i candidati favoriti per questa sfida, l'attuale segretario generale del partito, Annegret Kramp-Karrenbauer, considerata una fedelissima di Merkel anche se ha tentato di costruirsi un profilo autonomo prendendo parzialmente le distanze dalla cancelliera, l'ex capogruppo dell'Unione (Cdu-Csu) Friedrich Merz, ex rivale politico della cancelliera, apertamente sostenuto dal presidente del Bundestag Wolfgang Schaeuble, e il ministro della Sanità del governo federale, Jens Spahn, che stando ai sondaggi avrebbe meno 'chances' degli altri due di spuntarla. Il voto dovrebbe essere celebrato nel primo pomeriggio dopo gli interventi dei candidati.

Perché è una scelta importante

La scelta del presidente della Cdu è importante e avrà ripercussioni anche sul governo, perché darà il via ad un'inedita coabitazione tra il cancelliere e il presidente del partito che lo ha espresso, con rischi potenziali (specie nel caso di una svolta in senso conservatore del partito) per un governo a sua volta di coabitazione - o Grande Coalizione - che si mantiene in equilibrio precario.

Grande attesa

Che il Congresso sia circondato da grande attesa lo confermano i dati di un sondaggio Infratest dimap su 1502 persone per ARD che premia i partiti conservatori, Cdu e Csu, portandoli al 30%, 4 punti percentuali in più rispetto alla precedente inchiesta. I Verdi perdono tre punti percentuali (20%) rispetto all'ultimo sondaggio di metà novembre, Spd e Afd restano fermi al 14%, Fdp e Linke (-1%) si attestano sull'8%.

Quanto al Congresso Cdu, AKK resta la grande favorita tra gli elettori, con il 45% delle preferenze contro il 30% di Merz e il 10% di Spahn. Tra gli elettori della Cdu le percentuali sono 47% per Akk, 37 per Merz, 12 per Spahn. Infine la Merkel: il 57% ritiene che dovrebbe portare a termine la legislatura da cancelliera, il 39% crede che dovrebbe lasciare anticipatamente.

Il discorso della Merkel

Angela Merkel conta sul fatto che la Cdu esca "matura, motivata ed unita" dal voto che si celebra oggi ad Amburgo, dove 1.001 delegati dovranno scegliere il successore della cancelliera alla presidenza dell'Unione cristianodemocratica. "Insieme vogliamo che la nostra Cdu, partito forte, di centro, sia all'altezza del suo mandato, garantisca la giusta offerta per il futuro del paese", ha detto.

Interrotta da un lungo applauso appena pronunciate le prime parole, Angela Merkel ricorda, ai delegati al Congresso del partito di Amburgo che dovranno eleggere il suo successore, i successi elettorali conseguiti dalla Cdu. In particolare la cancelliera cita la Saarland di Annegret-Kramp Karrenbauer, la candidata a lei più vicina. "Abbiamo la forza di invertire le tendenze, di vincere le elezioni se combattiamo uniti e decisi", afferma.

Ha concluso il suo discorso salutata da una standing ovation Angela Merkel, che ad Amburgo ha pronunciato il suo ultimo intervento da presidente della Cdu dopo la rinuncia a ricandidarsi, prima tappa verso una totale uscita di scena politica per la cancelliera. "E' stato per me un grande onore", ha detto la Merkel, cui i delegati hanno tributato un lungo applauso, con alcuni che sventolavano cartelli con su scritto "Danke Chefin', grazie presidente. E Merkel ha risposto all'applauso salutando commossa con un gesto della mano.

Tra i successi, la cancelliera ha citato la parità di bilancio, la fine della leva obbligatoria e la gestione della crisi dei migranti, tre esempi scelti a dimostrazione dei risultati conseguiti dalla CDU durante gli anni in cui la cancelliera ha guidato l'Unione cristianodemocratica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Germania si sceglie il dopo-Merkel: chi sono i favoriti

Today è in caricamento