rotate-mobile
Martedì, 5 Marzo 2024
Il caos / Stati Uniti d'America

Elon Musk rimane chiuso fuori da Twitter dopo aver licenziato il tecnico dei badge (e lo richiama)

Nel frattempo centinaia di dipendenti decidono di lasciare l'azienda volontariamente dopo l'ultimatum del nuovo proprietario. Si teme per il funzionamento della piattaforma

Elon Musk nella bufera per i licenziamenti a Twitter e per come sta gestendo il personale una volta acquisita l’azienda. Ora si scopre che ne ha fatta un’altra delle sue: a raccontarlo Alex Cohen in un tweet diventato subito virale sul web. "Sono stato licenziato da Twitter questo pomeriggio. Mi occupavo della gestione degli accessi tramite badge agli uffici di Twitter. Elon mi ha appena chiamato e mi ha chiesto se potevo tornare per aiutarli a riottenere l'accesso al quartier generale mentre disattivavano tutti i badge e si chiudevano accidentalmente fuori". A rendere ancora più surreale la situazione il messaggio di ringraziamento ricevuto da Musk: "Grazie per l’aiuto. Sei un salvavita".

Alex Cohen tweet Musk

Twitter, inizia l'era Musk: licenziamenti via mail, a rischio metà dei dipendenti

E non è finita qui. In un altro tweet si legge che "ci sono tipo 50 persone bloccate in un garage di Twitter a Sunnyvale in questo momento - il braccio della barriera non si alza perché i loro badge sono disabilitati". Insomma l’arrivo di Musk a Twitter si è certamente notato, tanto che alcuni scrivono: "Gli ci sono volute 2 settimane per demolire completamente un sito web che esiste da circa 15 anni".

Dimissioni di massa a Twitter

Twitter rischia davvero la paralisi totale. Dopo l’ultimatum lanciato via mail da Musk mercoledì notte ai propri dipendenti sul dover lavorare "incondizionatamente o mollare", sono fioccate centinaia di dimissioni volontarie da parte dei lavoratori rimasti. Ingegneri, sviluppatori, progettisti e dirigenti in aree chiave in queste ore stanno lasciando l’azienda mostrando di non volersi piegare alla logica 'schiavista' del nuovo proprietario. Hanno comunicato la loro sofferta decisione con messaggi di addio sul sistema di comunicazione interno (Slack) e sui principali social media con l'hashtag #RIPTwitter, #TwitterDown. Twitter si ritrova così nel caos, proprio per questo ha deciso di chiudere temporaneamente gli uffici e di sospendere i badge fino a lunedì. Intanto gli utenti cominciano a migrare su altre piattaforme come Mastodon e Myspace.

Quelli che spremono e schiacciano la dignità dei dipendenti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elon Musk rimane chiuso fuori da Twitter dopo aver licenziato il tecnico dei badge (e lo richiama)

Today è in caricamento