rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Polinesia / Tonga

Tsunami dopo l'eruzione: a migliaia in fuga dall'inferno di acqua e fuoco

Una pioggia di cenere sta cadendo sulla capitale di Tonga mentre onde anomale si infrangono sulle coste delle isole del Pacifico. "Onde di tre metri fino in Giappone"

L'eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Ha'apai al largo di Tonga, Stato insulare della Polinesia, ha provocato uno tsunami con onde alte circa 1,2 metri, per il quale è stato emesso un allarme in diversi Paesi del sud del Pacifico. Le onde sono state osservate nella capitale di Tonga e nella capitale delle Samoa. 

Video postati sui social media da Tonga hanno mostrato onde anomale che si infrangono su una chiesa e diverse case. Non ci sono notizie di vittime, ma sui social media sono stati postati video che mostrano enormi onde che colpiscono le zone costiere. Al momento l'elettricità e le comunicazioni sono interrotte sull'isola, ed il governo ha mobilitato l'esercito per la risposta all'emergenza. Secondo i media locali, i militari hanno anche evacuato il re Tupou VI dal palazzo reale, che si trova vicino alla costa. Il National Tsunami Warning Center statunitense ha lanciato un'allerta Tsunami per la costa occidentale degli Stati Uniti mentre le Hawaii sono già state travolte dalle onde conseguenza dell'eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Ha?apai vicino al regno polinesiano di Tonga. L'allerta riguarda anche l'Alaska. 

Aggiornamento ore 18:21 - Onde alte ben tre metri sono previste sulle coste delle isole Amami nel Sud del Giappone. Il centro metereologico ha emesso un allarme tsunami sollecitando l'evacuazione dei residenti nelle zone costiere. 

L'eruzione, l'ultima di una serie, è durata otto minuti ed è stata così violenta da essere stata udita nelle Fiji, a più di 800 km di distanza. Testimoni hanno detto che una pioggia di cenere sta cadendo sulla capitale, Nuku'alofa.

eruzione tonga-3

I residenti sono stati invitati a trasferirsi su un terreno più elevato. I pennacchi di gas, fumo e cenere che si riversano dal vulcano hanno raggiunto i 20 km nel cielo.

Qui sotto il video dell'eruzione vista dal satellite. L'esplosione iniziale ha generato un'onda d'urto che si è propagata per migliaia di chilometri, un fenomeno incredibile che è stato immortalato anche dalle immagini satellitari, potete infatti vederlo come un'onda che si espande oltre la colonna eruttiva.

La violenta fase esplosiva sta generando una serie di boati che possono essere uditi fino in Australia, in Nuova Zelanda, alle Fiji, in Nuova Caledonia e alle isole Vanuatu.

Le onde generate dallo tsunami hanno raggiunto anche l'Australia, la Nuova Zelanda, la Nuova Caledonia, le isole Vanuatu, le Fiji e perfino le Hawaii. In queste nazioni le onde più alte non hanno superato valori di qualche centimetro, di conseguenza non hanno provocato disagi. Da valutare invece gli effetti sul regno di Tonga da dove per ora non arrivano che poche immagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tsunami dopo l'eruzione: a migliaia in fuga dall'inferno di acqua e fuoco

Today è in caricamento